Cartello shock all'ambulatorio di Meda: "Portatevi garze e cerotti da casa"

Succede al Presst di Meda, struttura inaugurata nel del 2017. Il motivo? Mancano i fondi

Immagine repertorio

Sta scatenando polemiche un cartello appeso sulle parete del Presst di Meda (Presidio socio–sanitario ambulatoriale). Il motivo? L'avviso invita i pazienti a portarsi da casa garze e cerotti. E non è una novità: il fatto va avanti da inizio luglio.

Il testo dell'avviso

Dal 1° luglio, per le prestazioni infermieristiche elencate di seguito viene chiesto un contributo economico: 3 euro per le iniezioni intramuscolari e sottocutanee, 20 per il lavaggio auricolare con rimozione del cerume. Per tutte le altre prestazioni infermieristiche (medicazioni, rimozione punti, cateterismi vescicali, bendaggi…) nulla è dovuto in termini economici, anche se è gradito un contributo in materiale sanitario (cerotti, creme, garze)». Quindi la specifica: «Per i pazienti non assistiti dai medici di questo studio, le prestazioni sono in libera professione ed i costi vanno concordati con l’infermiere

E dopo la segnalazione potrebbero scattare provvedimenti: l'Ats di Monza ha fatto sapere che valuterà "come modificare nel migliore dei modi l'avviso". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Presst di via Indipendenza era stato inaugurato nel marzo del 2017 in seguito a un accordo tra la Ats della Brianza, il comune e i medici del territorio che si sono costituiti in gruppo. "L'accordo sottoscritto — aveva chiosato il giorno dell'inaugurazione l'assessore al Welfare Lombardo Giulio Gallera — rappresenta un momento di grande importanza non solo per il territorio di Meda, che tra qualche mese potrà disporre di tutti i servizi socio sanitari che il nuovo PreSST metterà in campo, ma per tutta la nostra regione, in quanto il modello predisposto sintetizza la realizzazione più completa di quel percorso di presa in carico dei pazienti cronici che è obiettivo principale della nostra riforma socio sanitaria, e che ci auguriamo possa essere replicato in tutta la Lombardia". Ma dopo un anno i fondi stanno iniziando a scarseggiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento