Trovato morto Andrea La Rosa: il suo cadavere era chiuso nel bagagliaio un'auto

Il trentacinquenne milanese era un ex calciatore e attuale direttore sportivo del Brugherio

Andrea La Rosa

È stato trovato morto Andrea La Rosa, l'ex calciatore di trentacinque anni scomparso nel nulla da circa un mese. Il suo cadavere, stando alle prime informazioni trapelate, è stato scoperto giovedì pomeriggio nel bagagliaio di un'auto fermata dai carabinieri sulla Milano-Meda.

La macchina, secondo quanto appreso, era già tenuta d'occhio dai militari del nucleo investigativo, che da un mese seguivano la vicenda e che sono andati quasi a colpo sicuro, trovando il corpo - integro - nel "posteriore" della vettura. 

I familiari di Andrea, che lavorava come direttore sportivo del Brugherio calcio, avevano presentato denuncia di scomparsa il 16 novembre scorso, dopo che il trentacinquenne era sparito nel nulla.

Il martedì prima, l'ex calciatore - che era anche socio di un'azienda di consulenza - aveva partecipato alla presentazione del nuovo allenatore della prima squadra del Brugherio. Poi, il silenzio: nessuna sua traccia in città, né in provincia, né sulle liste degli aeroporti di tutta Italia. 

I carabinieri per quasi un mese hanno passato al setaccio la vita di Andrea e hanno cercato, invano, la sua auto, sparita nel nulla. Giovedì, poi, la tragica svolta. Pochi i dubbi: Andrea è stato ucciso. 

Al momento, due persone sono state portate dai carabinieri in caserma: la loro posizione è al vaglio dei militari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento