Tragedia a Cassano d'Adda, si sente male mentre fa il bagno nel fiume: grave un ragazzo

È successo nel primo pomeriggio di domenica 11 agosto, sul posto il 118 e i vigili del fuoco

Lotta tra la vita e la morte il ragazzo di 25 anni che ha rischiato di annegare nelle acque del fiume Adda a Cassano nel primo pomeriggio di domenica 11 agosto. Il giovane è stato accompagnato in codice rosso al San Raffaele in arresto cardicircolatorio, le sue condizioni sono disperate. Meno gravi, invece, le condizioni di un altro ragazzo di 26 anni che stava facendo il bagno nel corso d'acqua insieme al 25enne: è stato trasportato sempre al San Raffaele ma in codice verde.

Cassano d'Adda fanno il bagno e si sentono male

Tutto è accaduto intorno alle 14.15, come riportato dall'azienda regionale di emergenza urgenza. Secondo una primissima ricostruzione sembra che i due, entrambi sudamericani, stessero facendo il bagno nel corso d'acqua quando hanno iniziato ad annaspare. È subito scattato l'allarme: alcune persone che si trovavano lungo la riva del fiume si sono precipitate a soccorrerli e li hanno portati a riva.

Nel frattempo sono intervenuti sul posto i sanitari del 118 con un'ambulanza e l'elicottero, oltre ai vigili del fuoco del comando provinciale di Milano e i carabinieri di Cassano d'Adda insieme alla polizia locale.

Il 25enne, stabilizzato, è stato accompagnato in codice rosso al San Raffaele con manovre rianimatorie in corso, le sue condizioni sono disperate. Meno gravi, invece, le condizioni del 26enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento