Appena scarcerato e ubriaco si getta nel Naviglio Martesana e non riemerge più

L'uomo, un pregiudicato appena uscito dal carcere dopo una condanna per stupefacenti, intorno alle diciotto si è gettato sulle acque del fiume

Immagine di repertorio

E’ scomparso nel nulla. Lo hanno visto tuffarsi e non è più riemerso. E’ giallo sulle sorti di un marocchino di ventotto anni che venerdì sera, attorno alle diciannove, dopo aver bevuto molto alcol, si è tuffato nel Naviglio Maresana a Trezzo Sull’Adda.

Sommozzatori, elicottero del 118 e carabinieri da allora lo cercano. L’uomo, un pregiudicato appena uscito dal carcere dopo una condanna per stupefacenti, intorno alle diciotto si è gettato sulle acque del fiume, nella frazione di Concesa.

Si ipotizza che l’uomo sia morto annegato ma che il suo corpo possa essere rimasto incastrato sul fondo del fiume o trascinato via dalla corrente. Le ricerche proseguono.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento