E' giallo sulla morte di Antonetta Turri, l'auto era chiusa: proseguono le indagini

Si cerca di capire che cosa sia accaduto alla pensionata brianzola scomparsa lo scorso 1 agosto e trovata senza vita in un bosco a Montecenere, vicino a Modena

La Lancia Ypsilon color champagne era chiusa, con dentro ancora il denaro che Antonietta Turri aveva con sè, con cui avrebbe dovuto pagare il suo parrucchiere di fiducia, e tutti i suoi effetti personali, documenti compresi. Della donna però gli inquirenti che mercoledì pomeriggio sono arrivati a Montecenere, frazione di Lama Mocogno, un paesino a cinquanta chilometri circa da Modena, sull'Appennino, inizialmente non hanno trovato traccia.

Il corpo senza vita della pensionata 76enne scomparsa dieci giorni prima da Varedo è stato trovato solo qualche ora più tardi quando nel bosco che si estende a ridosso della statale la polizia locale cittadina, i vigili del fuoco, i carabinieri della stazione di Pavullo nel Frignano e la Protezione Civile hanno iniziato le ricerche. 

Il cadavere della donna, rendono noto fonti della Procura a Modena, era in pessimo stato, probabilmente si trovava lì da diversi giorni ed era ormai deturpato dagli animali. Sul corpo della pensionata di 76 anni scomparsa lunedì 1 agosto, da quando era uscita di casa per andare dal parrucchiere, non sono stati riscontrati segni di violenza. Sarà l'autopsia, in programma per martedì 17 agosto, a rivelare le circostanze che hanno causato la morte della 76enne.

Come Antonietta Turri sia finita così lontano da casa resta ancora un mistero: gli inquirenti tendono al momento ad escludere la possibilità di una caduta accidentale nel bosco e non c'è al momento nessun indizio che possa spiegare la motivazione della sua sosta sull'Appennino. L'ipotesi più plausibile resta lo smarrimento: la donna si sarebbe persa mentre tentava disperatamente di rientrare e a confermarlo sarebbe anche un avvistamento segnalato alla famiglia da un uomo che avrebbe raccontato di averla incrociata la stessa sera di lunedì 1 agosto nei pressi del casello dell'autostrada a Melegnano e di averle dato indicazioni per rintrare verso la Brianza.

La donna però avrebbe imboccato il casello nella direzione sbagliata, verso Bologna, allontanandosi ancora di più. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento