Tentano la truffa ma la "nonnina" non ci casca e mette in fuga i malintenzionati

Si sono finti operai, hanno chiesto alla donna di aprire loro il portone e alla fine si sono intrufolati nel suo appartamento e sono stati costretti a fuggire

Non si è lasciata raggirare e, nonostante il copione studiato a memoria dai truffatori e la sceneggiata realistica che questi avevano messo a punto, è stata più furba dei malintenzionati e li ha messi in fuga.

"Chiamiamo la polizia": è bastata questa frase pronunciata da un'anziana in via Volturno domenica mattina per far volatilizzare due finti operai che con la scusa di farsi aprire il portone per ultimare dei lavori di cantiere nel palazzo erano riusciti a seguire la donna lungo le scale fin nel suo appartamento. 

I falsi operai avevano recitato la parte dei muratori, approfittando del fatto che nel condominio erano effettivamente in corso degli interventi di manutenzione e avevano finto di incontrare per caso la vecchina davanti al portone del palazzo. Prima le hanno gentilmente chiesto di aprire la porta e poi si sono introdotti all'interno dell'edificio, seguendola sulle scale. Lungo il tragitto uno dei due uomini ha iniziato a raccontare alla donna se aveva sentito dei numerosi furti avvenuti nel condominio e la signora, allarmata, ha domandato subito se l'uomo fosse un poliziotto. Il truffatore ha rassicurato la donna e le ha detto di essere un operaio e che era stato lui stesso a chiamare la polizia e che gli agenti sarebbero arrivati a breve. Nell'attesa però l'uomo ha suggerito alla signora di mostrare gli oggetti di valore che custodiva in casa e di radunarli in soggiorno così da metterli al sicuro.

Quando la pensionata si è sentita rivolgere quella strana richiesta ha capito che stava per essere vittima di un raggiro e ha deciso di prendere in mano il telefono e chiedere aiuto immediatamente alla polizia.

Nel momento in cui la donna si è messa in contatto con la centrale operativa però i due finti operai sono fuggiti via. In via Volturno sono intervenuti i poliziotti del commissariato di Polizia di Stato a cui la signora ha fornito una descrizione per rintracciare i due malintenzionati e impedire che raggirino altre vittime. Si tratta di due uomini giovani, alti all'incirca 1,75 m e presumibilmente italiani: uno è biondo e magro mentre il complice ha una corporatura più robusta. Indagini in corso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

Torna su
MonzaToday è in caricamento