rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Besana in Brianza

La vita rovinata da un pirata della strada: la moglie del ciclista paralizzato a caccia del colpevole

Davide Zambello il 17 luglio scorso è stato investito mentre pedalava a Besana Brianza da un'auto che poi non si è fermata a prestare soccorso

E’ rimasto paralizzato dopo un terribile incidente. Ora Giuseppina, la moglie di Davide Zambello, 53 anni, il ciclista di Misinto che il 17 luglio scorso è stato investito mentre pedalava in via Kennedy, ha lanciato un appello: «Aiutatemi a trovare chi ha travolto mio marito». Sì, perché chi lo ha investito è fuggito. Senza neppure preoccuparsi se aveva bisogno di aiuto, o magari era morto. Ma la caccia al pirata della strada, finora, non ha avuto successo.

L’incidente è avvenuto una domenica d’estate. Davide Zambello, innamorato delle due ruote, stava pedalando lungo le strade tutte a saliscendi di Villa Raverio, una frazione di Besana Brianza. Un percorso che conosceva come le sue tasche. All’improvviso un’auto lo ha travolto, facendolo sbalzare dal sellino e gettandolo in un fosso. A ritrovarlo è stato un ciclista. Davide aveva perso i sensi.

Si è risvegliato solo alcuni giorni più tardi, nel letto di una stanza dell’ospedale Niguarda di Milano, intubato, e gravemente ferito. Drammatica la scoperta di non poter più muovere le gambe. Il futuro gli riserva una vita in carrozzina e l’impossibilità di tornare al suo mestiere di autista.

La moglie Giuseppina non si rassegna e ha tappezzato la città di Besana Brianza di volantini. Spera che qualcuno abbia assistito all’incidente e possa fornire un dettaglio capace di far emergere la verità e trovare il colpevole. Chi ha informazioni può contattare i carabinieri di Seregno (piazza Prealpi, 7, Seregno telefono 0362-275700).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vita rovinata da un pirata della strada: la moglie del ciclista paralizzato a caccia del colpevole

MonzaToday è in caricamento