Tassa di soggiorno: a Monza sarà in vigore dal 1 febbraio

Il Consiglio Comunale ha dato il via libera all'approvazione della tassa di soggiorno che graverà sui turisti che pernotteranno a Monza ma non influirà sui residenti

La tassa di soggiorno non graverà sui residenti

Il Consiglio Comunale ha approvato nella seduta di giovedì in via definitiva l’introduzione dell’imposta di soggiorno attiva a partire dal 1 febbraio.

Si tratta di una tassa che andrà a gravare sui turisti calcolata in base al numero dei pernottamenti e alla struttura scelta che esenterà malati, disabili, minori e studenti che frequentano corsi nel capoluogo brianzolo e creerà un fondo per sostenere iniziative culturali e turistiche in vista di Expo 2015.

La tassa di soggiorno non sarà applicata ai cittadini monzesi.

Il tributo sarà calcolato moltiplicando 0,5 euro per il numero delle stelle della struttura ricettiva scelta, per persona a pernottamento.

Il gettito previsto dal Comune è stimato in almeno 100 mila euro annui perchè i pernottamenti registrati a Monza nel 2012 ammontavano a circa 110 mila.

“Si tratta di un provvedimento utile alla nostra città – ha dichiarato l’assessore al Turismo e alle Attività produttive, Carlo Abbà - perché garantisce risorse che saranno impiegate esclusivamente per migliorare l’attrattività e i servizi turistici della nostra città e che non graverà sui cittadini monzesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento