Cronaca Arcore

Tetti in amianto, ad Arcore li ha scovati Google Maps

I tecnici dell'Ufficio Ecologia ci hanno impiegato più di un anno per individuare attraverso una scansione con lo strumento digitale le coperture non a norma

Sono 220 solo ad Arcore.

E’ questo il numero dei tetti in amianto della cittadina brianzola individuati dall’Ufficio ecologia grazie a Google Maps.

Si tratta di vecchie cascine, capannoni industriali magari dismessi, o ancora box e palazzi.

I materiali fuori norma in eternit sono stati scovati attraverso un potente zoom che consente di avere una visione dell’area tanto da individuare le coperture non a norma.

Il lavoro è durato più di un anno: i tecnici si sono messi all’opera prima osservando una panoramica del territorio, poi hanno effettuato una prima suddivisione tra coperture rosse e tetti grigi e da lì sono partiti i rilievi veri e propri.

L’area occupata dalle 220 coperture incriminate è notevole: se accostati l’uno all’altro i tetti arriverebbero a coprire una superficie pari a 100mila metri quadrati.

In seguito alle rilevazioni sono stati individuati i proprietari degli immobili e a loro è stata recapitata una lettera.

L’intento è quello di debellare un materiale che comporta alti rischi per la salute e la minaccia del cancro.

Ai proprietari degli immobili che non hanno effettuato l’autodenuncia all’Asl sarà comminata una sanzione che varierà da 100 a 1500 euro a seconda dell’amianto contenuto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tetti in amianto, ad Arcore li ha scovati Google Maps

MonzaToday è in caricamento