Brugherio, aggressione con ascia: domiciliari per gli imputati

Il Tribunale ha condannato i quattro uomini coinvolti nella lite condominiale con ascia in via Marsala del 26 luglio agli arresti domiciliari, tutti nello stesso condominio

Scoppia la lite nel condominio, spunta un’ascia, tre uomini sono feriti e la faccenda finisce in Tribunale.

Il processo per la lite del 26 luglio nel palazzo di Via Marsala a Brugherio termina con la condanna per tutti gli imputati degli arresti domiciliari.

Ognuno nel proprio appartamento, piani e scale diversi ma tutti a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. La difesa ha optato per il patteggiamento davanti al giudice e i quattro uomini, due italiana, padre e figlio, uno ultrasessantenne e l’altro 38enne, e due fratelli marocchini, coinvolti nell’aggressione hanno ottenuto pene dai 6 mesi a un anno.

La lite, che poteva avere conseguenze ben più drammatiche e che ha fatto tremare l’intero quartiere per un giorno, è stata equiparata a tanti altri casi di rissa e così anche le condanne inflitte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento