Operazione "Woodstock", dalla cocaina in un ristorante ai 19 pusher arrestati dai carabinieri

Due i gruppi criminali dediti allo spaccio di marijuana e cocaina smantellati: i pusher avevano basi logistiche ad Agrate Brianza e a Monza

Uno scambio di droga durante l'indagine

Chili di droga scambiati per strada, in Brianza, dentro insospettabili sacchetti della spesa, marijuana che arrivava dalla Spagna a bordo di camper appositamente manomessi per nascondere la sostanza stupefacente sotto il piatto doccia e ancora un ristorante monzese dove, oltre alle pizze, i clienti potevano trovare anche la cocaina. 

E' stato proprio da qui, dall'arresto di un ristoratore trentacinquenne, F.P., di Solaro, che lo scorso ottobre 2015 è partita l'indagine dei carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Monza, coordinata dalla Procura. In quell'occasione i militari avevano assistito a tre episodi di cessione di droga “in diretta” all'interno del ristorante, in zona PalaIper. Nel locale insieme a ottocento grammi di cocaina erano stati rinvenuti e sequestrati più di ottomila euro in contanti.

GUARDA IL VIDEO | Operazione "Woodstock": chili di droga nascosti in un camper

video-10-20

Gli accertamenti dei carabinieri sono proseguiti e le indagini, che si sono protratte per oltre un anno avvalendosi anche di quaranta intercettazioni telefoniche e riprese di sistemi di videosorveglianza, hanno permesso di delineare un quadro molto più complesso e articolato che metteva Monza e la Brianza al centro di un giro di spaccio di sostanze stupefacenti che oltre all'hinterland arrivava a coinvolgere diverse province italiane tra cui Bergamo, Pavia, Genova, Verbania, Nuoro e Vercelli, finite al centro del blitz che ha messo fine all'indagine e dato esecuzione a diciannove ordinanze di custodia cautelare.

I dettagli dell'operazione denominata "Woodstock" sono stati illustrati giovedì mattina in Procura dal Procuratore, Dottoressa Luisa Zanetti, dal pm Salvatore Bellomo e dal Comandante del Gruppo Carabinieri di Monza, Colonnello Rodolfo Santovito, insieme al Maggiore Enrico Vecchio, comandante della compagnia dei carabinieri di Monza. 

procura-2

L'indagine ha portato all'esecuzione di diciannove ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti spacciatori tra i 49 e 23 anni, dodici italiani, cinque albanesi, un romeno e una donna moldava, ritenuti responsabili a vario titolo di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Per tredici di loro sono state emesse ordinanze di custodia cautelare in carcere, cinque sono stati destinati agli arresti domiciliari e per un solo soggetto è scattato l'obbligo di presentazione alle polizia giudiziaria. 

Nell'ambito delle indagini è emersa la presenza di due distinti gruppi criminali attivi tra la Brianza e Monza. Il primo, composto da tre cittadini albanesi, la donna moldava e un romeno, è risultato particolarmente attivo nell'ambito dello spaccio di marijuana e i suoi componenti da Agrate Brianza, dove aveva sede la base logistica dell'organizzazione, erano riusciti a instaurare rapporti anche con pusher nell'alto milanese, nella Bergamasca e a Vercelli. Nel comune brianzolo due fratelli albanesi avevano allestito in un'abitazione con annesso un box un magazzino dello spaccio. Qui i pusher stoccavano la droga che proveniva dalla Spagna e la rivendevano agli spacciatori che arrivavano ad Agrate Brianza anche da altre province. 

A marzo dello scorso anno, a Monza, durante le indagini i carabinieri erano riusciti a intercettare un camper proveniente da Spagna dove erano stati nascosti nel doppio fondo del piatto doccia undici chili di marijuana. In parallelo a quest'organizzazione criminale, sul territorio di Monza ne operava un'altra, composta soprattutto da cittadini italiani i quali, avvalendosi di un gruppo di pusher, vendevano lo stupefacente in diversi punti del capoluogo brianzolo.

A Monza arrivavano spacciatori per rifornirsi di sostanza stupefacente un po' da tutti i comuni dell'hinterland e addirittura anche da fuori provincia con propaggini dell'attività criminale che addirittura erano riuscite a raggiungere Verbania. Nel corso delle indagini sono state arrestate altre nove persone, documentate 180 cessioni di droga e sequestrati 16 kg. di marijuana, 1 kg. di cocaina e 10.000 euro, provento dell’attività di spaccio.

"Questa operazione dimostra la professionalità che hanno raggiunto le nostre forze di polizia con pazienza e impegno ma per essere più incisivi sul fenomeno ci vorrebbero più risorse in tutti i settori, sia in ambito giudiziario che investigativo" - ha detto il Procuratore Luisa Zanetti - "Se avessimo più risorse non dico che si risolverebbe il fenomeno ma almeno potremmo incidere molto di più nella lotta allo spaccio" ha dichiarato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vacanza in Romagna vince 500.000 €: il proprietario del bar la riaccompagna in Brianza

  • Grande caldo e temporali: a Monza scatta l'allerta meteo della protezione civile

  • Omicidio in Brianza, strangola la moglie a letto e finge caduta: donna muore in ospedale

  • Un malore lo sorprende: muore a 43 anni Gianluca De Martino, volto noto del calcio giovanile

  • Tragico tuffo in piscina mentre è in vacanza: 40enne batte la testa e muore

  • Coronavirus, vacanze o viaggi all’estero e "quarantena": ecco le regole fino al 7 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento