Cronaca Agrate Brianza

Furto all'Orsa Maggiore e ville, CC decapitano "banda delle cassaforti"

Un uomo di nazionalità extracomunitaria era il capo della banda di "professionisti" nel ramo furti in abitazione. Le indagini sono partita mesi fa; la notte tra martedì e mercoledì il blitz. Nel mirino anche la nota discoteca

AGRATE - Mesi di indagini, tre giorni di pedinamenti, infine il blitz: nella nottata di ieri è finita la carriera criminale di V.J.,  cittadino albanese 35enne. Non un ladro qualsiasi: un vero esperto del "mestiere", mente di una banda di specialisti in furti in abitazione con tanto di estrazione delle casseforti dalla muratura.

LE INDAGINI - I carabinieri della stazione di Agrate lo hanno bloccato al ritorno dall'ennesimo colpo, portato a segno ai danni di un noto imprenditore del lecchese. Il malvivente si era introdotto nella villa dell'imprenditore, portando via la cassaforte con l'aiuto di un costosissimo flessibile da cemento armato. Trovati i riferimenti dell'attività dell'uomo, proprietario del noto disco-club ristorante "Orsa Maggiore", i malviventi hanno raggiunto il locale e hanno razziato quanto hanno trovato all'interno, portando via una seconda cassaforte con il risultato di diversi giorni di incasso.

CACCIA AL COMPLICE - La refurtiva recuperata ha un valore di 150mila euro. Consumato il colpo, la banda è tornata verso Agrate a bordo di un'Audi A3 rubata poco meno di un mese fa alla stazione.  A bordo della vettura sono stati ritrovati numerosi orologi Rolex, preziosi, vari titoli di pagamento oltre a 50mila euro in contanti, oltre a vario materiale e monili in oro, e l'interno campionario di attrezzi del mestiere. L'uomo è stato portato nel carcere di Monza, dove sarà interrogato dal magistrato di turno. Il complice, invece, ha le ore contate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto all'Orsa Maggiore e ville, CC decapitano "banda delle cassaforti"

MonzaToday è in caricamento