Lissone, chiedono di abbassare la musica: coppia aggredita dal branco

E' accaduto mercoledì sera in centro. I coniugi avevano una telecamera per filmare il baccano: il proprietario del bar non ci ha visto più e li ha aggrediti

La rissa è stata fermata dai carabinieri:

LISSONE  - Circondati, insultati e picchiati dal branco  per aver chiesto di abbassare il volume. E' accaduto a Lissone, in centro, nella serata di mercoledì. 

Una coppia di 50enni esasperati dal baccano del bar sotto casa si è presentata di fronte al locale con una telecamera webcam.  I due volevano  ottenere le prova del chiasso - a loro giudizio infernale - scatenato dall'esercizio pubblico nelle ore serali. 

Ma una volta di fronte al locale, il proprietario non l'ha  presa bene. Da tempo le lamentele dei vicini gli creavano "problemi"  - anche col Comune, che aveva imposto la chiusura alle 21.30 -  e, alla vista della telecamera, ha perso la testa.

 Invece di abbassare il volume, ha cominciato a rintuzzare animatamente le accuse dei due; un muro contro muro che è finito a ceffoni, con il marito contuso e la donna colpita da un pugno all'addome. Dietro di lui,  a far da guardaspalle come nei film western, c'erano cinque avventori: un vero e proprio branco. 

Ci hanno pensato i carabinieri della stazione di Lissone a riportare la calma. Il padrone del bar si trova agli arresti con le accuse di rapina, violenza e minacce: per impedire ai due vicini di avere le prove della baraonda, gli ha rubato la telecamera durante la colluttazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento