Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

In fuga coi soldi del Ministero: funzionario arrestato al confine

Aveva fatto perdere le tracce a febbraio, scappando con 5 mln di euro che secondo l'accusa avrebbe sottratto allo Stato. Bloccato dai militari assieme al complice settantenne, si preparava a godersi la vita all'estero

MONZA - I Carabinieri del Reparto Operativo Tutela Patrimonio Culturale, del Nucleo TPC di Monza e del Nucleo Radiomobile di Milano hanno fermato Luigi Germani, funzionario della Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggisti del Lazio, addetto alla contabilità e appalti, che nel mese di febbraio scorso aveva fatto perdere le sue tracce, dopo essersi impossessato di 5 milioni di euro. Il contabile del Ministero è accusato di aver sottratto la somma, falsificando mandati di pagamento, aggirando il sistema telematico di gestione del denaro del Ministero, per poi far transitare il denaro su conti correnti bancari intestati a società di comodo su cui sono ancora in corso accertamenti.

LE INDAGINI - Le indagini, svolte dal Reparto Operativo TPC e coordinate dalla Procura della Repubblica di Milano,hanno consentito di accertare, mediante servizi di osservazione e pedinamento delle persone che in qualche modo avrebbero potuto favorire Germani, che questi era in procinto di lasciare definitivamente il paese per recarsi in Svizzera, da dove poi sarebbe ripartito per altre destinazioni. In particolare i militari, a seguito di un pedinamento mirato ad una persona sicuramente in contatto con Germani, hanno proceduto al controllo di un furgone di una nota ditta di noleggio, su cui questi viaggiava proprio in compagnia del ricercato. Germani ha invano tentato di sviare i carabinieri, esibendo un documento d'identità risultato falso. Contestualmente i carabinieri hanno bloccato anche il conducente del mezzo, identificato in Leonardo Vassallo, 70/enne torinese, risultato essere l'amministratore unico di una delle società incriminate. Pure lui è stato sottoposto a fermo. A seguito di perquisizione personale sono state rinvenute, nella disponibilità di Germani,banconote svizzere e circa 2.500 euro in contanti. I fermati, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Milano San Vittore, a disposizione della Procura della Repubblica di Milano.
(ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In fuga coi soldi del Ministero: funzionario arrestato al confine

MonzaToday è in caricamento