menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sistema è noto come "cash trapping"

Il sistema è noto come "cash trapping"

Rubavano dai bancomat con macchinetta "mangiasoldi": arrestati

Brillante operazione dei carabinieri di Monza che hanno sorpreso due ladri in pieno centro. La coppia aveva escogitato un ingegnoso sistema: con una macchinetta inserita nel bancomat, prelevava al posto del correntista

MONZA - Un curioso marchingegno che faceva molto male ai correntisti. Era quello messo a punto da due ventenni rumeni per arraffare i soldi dai bancomat. Il congegno si applicava sulla bocchetta da cui fuoriesce il denaro: quanto l'ignaro correntista si avvicinava a prelevare, però, la macchinetta tratteneva il denaro prima che uscisse. La tecnica è nota, e prende il nome inglese di cash trading. Dopo qualche imprecazione, il malcapitato si allontanava pensando di protestare l'indomani con l'istituto di credito. Peccato che per la banca i soldi fossero stati ritirati.


L'ARRESTO - Il denaro, in effetti, era prelevato, ma dai ladri: appostati in un luogo nascosto, i malviventi assistevano alla scena e quando erano sicuri di non essere visti, con un piccolo cacciavite smontavano il sistema e recuperavano il denaro. Per BRC e BFI, cittadini rumeni, è finita male: gli uomini del maggiore Luigi D'Ambrosio li hanno bloccati marted' sera verso le 23 in pieno centro. I balordi avevano preso di mira la "Veneto Banca" di via Manzoni; ma i militari in borghese li hanno sorpresi in flagrante. I carabinieri erano stati avvisati dagli addetti alla videosorveglianza remota dell'istituto. Entrambi sono stati arrestati: all'interno della loro auto è stato ritrovato un navigatore satellitare con gli indirizzi di altre due banche, probabilmente i prossimi obiettivi pianificati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento