menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I rapinatori prima di entrare in azione

I rapinatori prima di entrare in azione

Rapinavano farmacie e super: un arresto anche in Brianza

In manette quattro giovani stranieri che dopo i colpi fuggivano su una "Mito rossa" individuata dagli inquirenti: tra loro anche un 18enne residente a Besana Brianza

C'è anche un 18enne residente a Besana Brianza tra i tre giovanissimi rapinatori arrestati dai carabinieri di Merate mercoledì nell'operazione "Mito rossa" che, grazie alle telecamere di sorveglianza comunali, ha permesso di far scattare le manette per i malviventi.

La banda era specializzata in farmacie e in colpi ai supermarket, tutti messe a segno in negozi della Bianza lecchese: insieme a tre ragazzi risulterebbe coinvolta anche la fidanzata di uno di loro e un "quarto uomo". Gli accusati sono tutti giovani sotto i 25 anni: si tratta di Soufiane Essalhi, marocchino classe 1993 e senza fissa dimora, già in carcere a Pescarenico, Arbi Tosku, nato in Albania nel ’92 e residente a Barzanò, e Soltan Al Gasem, 18enne nato a Dubai da genitori marocchini e oggi residente a Besana Brianza.

I tre sono ritenuti responsabili a vario titolo delle rapine, messe in atto insieme al "quarto uomo" Maltin Cela, 23 anni, già individuato dai carabinieri e attualmente agli arresti domiciliari a Valmadrera. Durante uno dei colpi infatti, il 22 agosto scorso, i militari erano riusciti a catturare Maltin Cela a Molteno, mentre cercava di fuggire dopo la rapina al supermarket, e dal suo arresto sono partite le indagini che hanno permesso, grazie alle analisi dei sistemi di videosorveglianza comunali, prima di risalire all'auto utilizzata per tutte e quattro le rapine, l'Alfa Mito rossa in uso a Tosku, e poi all'identità degli altri tre malviventi.

Per la 19enne K.C., residente a Garbagnate Monastero e fidanzata con uno dei quattro arrestati, è invece scattato l’obbligo di presentazione quotidiano alla Polizia Giudiziaria: la giovane compagna di Soufiane Essalhi, infatti, sarebbe accusata di averlo aiutato dapprima a sottrarsi alle ricerche dei Carabinieri, e in seguito ad eludere le investigazioni condotte nei suoi confronti.

Le armi utilizzate durante i "colpi", una pistola semiautomatica e un revolver, entrambi a salve, erano già state recuperate e sequestrate nel mese di agosto, dopo l’ultimo colpo, abbandonate dai malfattori in fuga nel centro di Molteno. Oltre a queste, i carabinieri hanno recuperato un coltellaccio da macellaio che poteva essere utilizzato in caso di un’eventuale reazione da parte delle vittime. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Come eliminare la puzza di fumo dalla tua casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento