Cronaca

Gli affari con la droga da 10mila euro al giorno nei boschi della Brianza: due arresti

L’indagine dei carabinieri della Compagnia di Merate sull’attività di spaccio a ridosso della Valassina ha portato all’esecuzione di due ordinanze cautelari. I pusher sono stati rintracciati a Cesano Maderno

Un giro d’affari da oltre 10mila euro al giorno, circa 80 clienti e centinaia di dosi di droga che venivano cedute in pochi giorni o addirittura ore. I carabinieri della compagnia di Merate nell’ambito di una complessa attività d’indagine sullo spaccio di sostanze stupefacenti che ha coinvolto le aree boschive a ridosso della Valassina hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere su disposizione del Tribunale di Lecco. In manette sono finiti un 27enne e 24enne, entrambi cittadini marocchini, irregolari sul territorio nazionale, con precedenti per spaccio di sostanza stupefacenti, porto abusivo di armi, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali.

Le indagini sono iniziate nel mese di aprile 2018 con servizi di controllo nelle aree boschive dei comuni di Sirtori, Bulciago, Nibionno, Garbagnate Monastero e Colle Brianza. Nell’ambito dell’attività sono stati accertati diversi episodi di cessione di droga e indagati altri pusher vicini ai due arrestati. In un’occasione uno dei due spacciatori ora in carcere, nel luglio 2018, nel tentativo di sottrarsi al controllo da parte dei Carabinieri di Cremella, non ha esitato a impugnare un sasso appuntito, colpendo con un fendente un militare e procurandogli una ferita ad una mano. 

I due arrestati sono stati rintracciati a Cesano Maderno dai militari della compagnia di Desio: nell’abitazione sono stati trovati anche quasi 11mila euro in contanti e diversi documenti rubati con identità fittizie riconducibili agli arrestati. I due ora si trovano in carcere a Monza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli affari con la droga da 10mila euro al giorno nei boschi della Brianza: due arresti

MonzaToday è in caricamento