Spari dopo il matrimonio rom tra ragazzini: arrestati due parenti della baby sposa

I due sono stati arrestati dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio. L'accaduto

Avevano inseguito l'auto con a bordo la promessa sposa e i suoi familiari. Poi avevano sparato quattro colpi di pistola dalla vettura. Il tutto per punire quello "sgarro" di un matrimonio probabilmente fallito, che adesso pagheranno con il carcere. 

Due uomini - un 40enne e un 25enne, entrambi italiani di etnia rom - sono stati arrestati martedì dagli agenti del commissariato di Cinisello Balsamo in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere con l'accusa di tentato omicidio. I due, stando a quanto accertato dagli agenti, sarebbero i protagonisti della folle notte dello scorso 18 aprile quando un matrimonio tra due ragazzini - una 14enne e un 15enne - aveva rischiato di trasformarsi in tragedia.

In serata nella loro abitazione di Cinisello, la futura sposa e la madre - una 47enne - avevano avuto una discussione con i parenti del 15enne che era sfociata in una aggressione fisica ai danni delle due. Il marito e padre delle vittime - un 51enne - aveva quindi deciso di portarle in auto all'ospedale Bassini per farle visitare al pronto soccorso.

Durante il tragitto, però, il 40enne e il 25enne - parenti del futuro marito - avevano fatto scattare un inseguimento durante il quale avevano esploso quattro colpi di pistola di cui uno aveva colpito la vettura del 51enne rompendo un fanale. I due, subito identificati e denunciati, adesso sono stati arrestati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento