Cronaca Lissone / Via Santa Margherita

Compra "griffe", ma nella confezione c’è solo carta: fermati 2 ambulanti

Quarantenne di Lissone abbocca alle lusinghe di due truffatori: con appena 300 euro sperava di portarsi a casa capi di alta moda

LISSONE – Comprarsi un cappotto di Cavalli, un impermeabile di Armani e un maglione di Missoni. Tutto a 300 euro. Era il sogno mostruosamente proibito di una 40enne di Lissone. La donna era stata avvicinata da due venditori ambulanti che avevano esposto abiti e vestiti con griffe altisonanti sul cassone di un furgone nel quartiere di Santa Margherita, a Lissone. Le due vecchie volpi ci hanno provato. E lei - che forse da una vita sognava di poter indossare un capo di alta moda – ha abboccato.

Ma quando la signora ha aperto gli occhi, si è trovata di fronte qualcosa di diverso. Molto diverso. Dentro la confezione che gli ambulanti le avevano rifilato, non c’erano abiti di alta moda. E – a dirla tutta – non c’erano neppure abiti. Dentro il sacchetto, c’era solo una montagna di fogli di giornale accartocciati. Ma, sotto la carta, niente.

Furibonda, la 40enne si è presentata dai carabinieri. I militari del Nucleo operativo radiomobile di Desio hanno sequestrato il furgone e tutto quello che c’era dentro: una quindicina di capi di abbigliamento tra giubbotti, pellicce, impermeabili e maglioni delle più prestigiose marche italiane.

Ora i due venditori ambulanti – 75 e 70 anni, di Pavia – sono in stato di fermo per truffa. Gli investigatori stanno operando accertamenti per capire se gli abiti sequestrati sono originali oppure falsi.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Compra "griffe", ma nella confezione c’è solo carta: fermati 2 ambulanti

MonzaToday è in caricamento