menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Le finte dosi di cocaina e i colpi di pistola: due uomini in carcere per tentato omicidio

I colpi di pistola erano stati esplosi lo scorso 28 luglio a Seregno. La vittima, un cittadino marocchino di 39 anni, era stata soccorsa e accompagnata in codice rosso all'ospedale San Gerardo

I colpi di pistola e poi la fuga, con un uomo ferito a terra. E alcune dosi di finta cocaina che i due acquirenti si sarebbero rifiutati di pagare. Una compravendita di droga finita nel sangue: sembra esserci questo dietro la sparatoria avvenuta lo scorso 28 luglio a Seregno, in zona San Salvatore. I carabinieri della sezione Operativa della compagnia di Seregno nella mattinata di lunedì 10 agosto, al termine di una serrata indagine, hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere per tentato omicidio nei confronti di due uomini italiani. In carcere sono finiti un 46enne di Novedrate e un 40enne rintracciato a Cantù con precedenti per reati contro il patrimonio e contro la persona.

I carabinieri erano giunti in via Monti, in zona San Salvatore, a ridosso dell'ex concessionario Opel ormai abbandonato che si affaccia sulla Valassina, nel pomeriggio di martedì 28 luglio pochi istanti dopo le 14 insieme ai mezzi del 118 a sirene spiegate. Tre o quattro colpi di pistola avevano raggiunto un 39enne, cittadino marocchino, alle gambe. L'uomo era stato trasferito in gravissime condizioni all'ospedale San Gerardo di Monza, in condice rosso. E subito erano partite le indagini dei militari brianzoli.

I sospetti dei carabinieri - raccolti diversi indizi di colpevolezza - erano ricaduti sui due uomini che, secondo quanto al momento ricostruito, avrebbero sparato al 39enne nell'ambito di una compravendita di droga legata a dosi di finta polvere bianca che la vittima avrebbe ceduto e che i due acquirenti non avrebbero voluto pagare. Ancora da rintracciare invece la pistola utilizzata per aprire il fuoco. La vittima è invece ancora ricoverata all'ospedale San Gerardo di Monza ma le sue condizioni non sono critiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento