Fa l'autostop in Valassina, ricercato "caricato" e poco dopo arrestato dalla Polstrada

In Brianza

Ha rallentato, si è fermato, e ha dato un passaggio a un cittadino romeno di 37 anni che chiedeva l’autostop con il tipico gesto «internazionale».

Pensava di fare un gesto gentile, un artigiano di 47 anni, di Colico, alla guida di un furgone. Invece, lunedì mattina è finito nei guai. Dopo appena pochi chilometri, e qualche parola di circostanza scambiata con l’autostoppista, il 47enne è stato fermato da una pantera della Polizia Stradale, a sirene spiegate. Ancora più grande è stata la sorpresa quando, dopo un controllo, gli agenti hanno scoperto che il suo compagno di viaggio doveva trovarsi in carcere. Il 19 aprile scorso il tribunale di Udine aveva emesso a suo carico un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per svariati reati contro il patrimonio.

Gli uomini della Polstrada hanno fatto scattare le manette ai polsi del romeno, e lo hanno caricato sulla loro auto. E l’artigiano, non poco sbigottito, è stato costretto a proseguire il suo viaggio da solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento