Ubriaco semina il caos in un bar e aggredisce a calci e pugni i carabinieri

E' accaduto a Bellusco nella serata di domenica: l'uomo ha rotto diversi bicchieri in un locale in seguito a una lite e poi si è allontanato con la sua auto fino a casa dove l'hanno raggiunto i carabinieri

E' accaduto a Bellusco

Ha alzato un po' il gomito e ha seminato il caos all'interno di un bar di Bellusco domenica sera litigando con gli altri clienti e rompendo nella furia alcolica diversi bicchieri.

A dare spettacolo e finire in manette per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e rifiuto dell'accertamento della guida in stato di ebrezza è stato un 56enne di origine ecuadoregna di professione operaio.

Il 56enne aveva già qualche conto in sospeso con la giustizia e precedenti specifici per la guida da ubriaco e il suo comportamento di domenica sera non ha fatto altro che aggravare la sua posizione.

In seguito alla lite nel locale è giunta una pattuglia dei carabinieri che, attraverso la testimonianza dei clienti, è riuscita a risalire al numero di targa del mezzo con cui l'operaio si era allontanato.

Presso la sua abitazione si sono presentate le forze dell'ordine e i carabinieri sono stati accolti a suon di calci e pugni dal 56enne ubriaco che si è rifiutato di lasciare effettuare una verifica agli inquirenti sulla guida in stato di ebrezza.

L'operaio è stato immobilizzato e arrestato. In attesa del rito direttissimo in cui dovrà rispondere dei reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto dell'accertamento dello stato di ebrezza sono stati disposti per lui i domicialiari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento