Ai domiciliari dalla compagna, lei non lo vuole più: finisce in carcere

È successo a Carnate, nei guai 36enne che stava scontando la pena a Carnate

Immagine repertorio

Stava scontando gli arresti domiciliari a casa della compagna   ma lei non ha più voluto ospitarlo e per lui, non avendo dimore alternative, si sono aperte le porte del carcere. È successo sabato 26 gennaio a Carnate, dove i carabinieri della stazione di Bernareggio hanno arrestato un 38enne marocchino e lo hanno ristretto nel carcere di Monza. La notizia è stata resa nota dai carabinieri della compagnia di Vimercate.

Tutto è scattato quando la donna che lo ospitava ha dichiarato la sua cessata disponibilità a dividere il suo appartamento con lui, secondo quanto trapelato la decisione sarebbe maturata a causa di una "incopatibilità caratteriale".

L'uomo era stato arrestato nel 2016 dai carabinieri a Milano: era stato trovato in possesso di 21 grammi di cocaina. Era stato condannato in via definitiva a 3 anni, 6 mesi e 20 giorni di reclusione e dopo due anni in carcere, nel settembre 2018, era stato ristretto ai domiciliari: prima dal fratello a Vimercate, poi — da dicembre — dalla compagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutte le scuole di Monza e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, primo caso anche a Monza: positivo paziente ricoverato al San Gerardo

  • Pitbull azzanna padrone ai genitali, 40enne uccide il suo cane per salvarsi

  • Coronavirus, il primo giorno di "coprifuoco" per Monza: ecco tutti i divieti nella 'zona gialla'

  • Bar non chiude alle 18 e non rispetta ordinanza sul Coronavirus: scatta la denuncia

  • Lissone, trovato il corpo senza vita di un uomo in un campo in via Toti

Torna su
MonzaToday è in caricamento