Ruba l'identità a un connazionale detenuto: egiziano arrestato per falso a Monza

Di fronte a una volante della Polizia di Stato ha provato a defilarsi ma gli agenti hanno capito che aveva qualcosa da nascondere: un 32enne egiziano è finito in manette per falso e alterazione di documenti

L'arresto in via Borgazzi

Lo conoscevano con tanti nomi diversi, nascondeva la sua reale identità con svariati alias e sul permesso di soggiorno esibiva un nome che non corrispondeva al suo.

A.F.M., 32 anni, origini egiziane e diversi precedenti alle spalle per reati legati allo spaccio di droga, si era impossessato dell'identità di un connazionale detenuto in un carcere lombardo e di fronte alla necessità di esbire i documenti allungava prontamente il permesso di soggiorno fasullo.

Martedì però a Monza, nei pressi di via Borgazzi, davanti a una volante della Polizia di Stato ha realizzato che gli agenti non sarebbero certo cascati nel suo giochetto e ha provato a defilarsi coprendosi i volto.

I poliziotti lo hanno raggiunto e hanno proceduto a una identificazione. Dagli accertamenti è emerso subito che il permesso di soggiorno presentato dal 32enne avesse qualcosa di strano e a identificare l'uomo ci ha pensato il ricorso all'AFIS, il Sistema Automatizzato di Identificazione delle Impronte.

Grazie alle impronte digitali del pregiudicato gli agenti del Commissariato di viale Romagna sono riusciti a risalire alla vera identità dell'egiziano che è stato condannato per falso e alterazione di documenti.

A spingerlo a falsificare la propria attestazione di identità e a nascondersi dietro un altro nome era stato il tentativo di rientrare in Italia prima che scadessero i termini dell'espulsione disposta dall'autorità giudiziaria dopo che il 32enne era stato condannato per spaccio di droga. Come misura alternativa alla detenzione era stata disposta l'espulsione dal territorio nazionale che, evidentemente, non ha rispettato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il processo per direttissima si è svolto nella giornata di giovedì e l'egiziano è stato condannato a un anno di carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento