Cronaca Vimercate

Minacce ed estorsioni ad un architetto brianzolo: tre arresti

Sono stati arrestati a Seregno, in un locale pubblico del centro cittadino, dai carabinieri di Vimercate: avevano appena ricevuto dalla vittima una busta contente un'anticipo del denaro richiesto

Erano convinti di uscire da quel locale pubblico con una busta contente 5mila euro in contanti da spartirsi tra loro in attesa di ricevere dalla vittima altre bancomote e, invece, per tre italiani sono scattate le manette.

I carabinieri infatti li hanno arrestati lunedì a Seregno fuori da un esercizio situato in una zona centrale del paese: i tre, due pluripregiudicati e un imprenditore edile incensurato, si sono resi responsabili di minacce ed estorsioni ai danni di un architetto brianzolo a cui, anche paventando ritorsioni attraverso l'uso delle armi, hanno chiesto 20mila euro in contanti.

La vicenda, raccontata agli investigatori dalla stessa vittima, che ha avuto il coraggio di denunciare tutto e aiutare gli inquirenti a risalire ai responsabili e ad assicurarli alla giustizia, ha avuto inizio a luglio quando i tre si sono presentati dall'uomo che ha alcuni uffici a Vimercate e altri in Alta Brianza, per chiedere del denaro.

I malviventi hanno riferito all'architetto di dover ottenere dei soldi versati a un presunto conoscente dell'uomo alcuni anni fa per una operazione immobiliare conclusasi nel 2011. Sull'episodio però non hanno dato ulteriori dettagli, restando vaghi e usando le minacce per essere più incisivi.

Quando il professionista si è presentato dai carabinieri ha raccontato ai militari di non essere a conoscenza dell'operazione immobiliare nella quale i tre lo avrebero coinvolto con la richiesta di denaro ed è scattata la trappola.

Dopo che la vittima si è presentata in un locale concordato per un appuntamento con i malviventi e ha consegnato loro una busta con l'anticipo della somma sono intervenuti i carabinieri.

In manette con l'accusa di estorsione aggravata in flagranza di reato sono finiti S.F. imprenditore edile di 51 anni di Cesano Maderno, incensurato, R.A. monzese del '66 pluripregiudicato e D.C., 47 anni, anche lui con precedenti alle spalle e monzese. 

Le indagini dei carabinieri di Vimercate però stanno proseguendo per verificare la possibilità del coinvolgimento dei tre malviventi, la cui strategia di estorsione è apparsa ben consolidata, in altri simili episodi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce ed estorsioni ad un architetto brianzolo: tre arresti

MonzaToday è in caricamento