Cronaca

Maxi operazione dei carabinieri, in carcere a Monza un ricettatore

L'uomo è un 54enne di Sesto San Giovanni: i carabinieri sono arrivati a lui grazie a un'indagine avviata in seguito alle numerose denunce di turisti derubati

Una maxi indagine dei carabinieri del Comando Provinciale di Novara coordinata dalla Procura di Monza ha permesso di far scattare le manette per un 54enne residente a Sesto San Giovanni che ora si trova in carcere a Monza.

L'uomo, M.L., è stato sottoposto a fermo per ricettazione: nel suo garage sono stati trovati più di duecento computer portatili, tablet e Ipod, cento telefoni cellulari, quasi trecento orologi, più di centocinquanta macchine fotografiche digitali e videocamere, centinaia di occhiali, strumenti musicali, un centinaio di borse e valige di noti marchi e diversi oggetti in oro ed argento.

Guarda le foto degli oggetti rubati.

Il tutto, provento di oltre duecento furti ai danni di moltissimi cittadini italiani e turisti stranieri per un valore complessivo superiore a 700.000 euro, era conservato ordinatamente suddiviso in base alle caratteristiche dei singoli oggetti.

L'operazione Flaco ha preso avvio in seguito alle numerose segnalazioni e denunce di furto presentate nelle caserme del Novarese dai turisti che erano stati derubati mentre si trovavano in villeggiatura.

I colpi venivano messi a segno nei parcheggi dei centri commerciali, degli ospedali, delle stazioni ferroviarie e degli aeroporti: qui i malviventi, si tratta di diversi soggetti con differente provenienza, colpivano le autovetture in sosta privilegiando quelle contenenti bagagli, oggetti di valore o tecnologici. 

Per immettere sul mercato nero la merce rubata i ladri poi si rivolgevano a ricettatori specializzati: uno di questi e forse il principale è il 54enne di Sesto San Giovanni. 

Sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri per risalire ai legittimi proprietari della merce rubata. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi operazione dei carabinieri, in carcere a Monza un ricettatore

MonzaToday è in caricamento