Banda di ladri d'appartamento fermata dopo inseguimento: in manette quattro persone

Si tratta di tre uomini e una donna di origini sinti. Due dei fermati risultano residenti in un campo nomadi di Limbiate, in Brianza

Immagine di repertorio

Un furto appema consumato, l'auto carica di refurtiva e un posto di blocco forzato. Anzi, due. E' iniziato così il rocambolesco inseguimento che nella serata di martedì a Izano, in provincia di Crema, ha fatto scattare le manette per quattro ladri appartenenti a una banda di topi d'appartamento, due dei quali risultati residenti in un campo nomadi di Limbiate, in Brianza.

Resistenza a pubblico ufficiale, possesso di arnesi atti allo scasso e ricettazione, queste le accuse di cui dovranno rispondere i quattro, tre uomoni e una donna. I guai per la banda sono iniziati quando, a bordo di una Golf con targa clonata, due dei componennti sono stati intercettati dai carabinieri a Vergonzana, dove i militari si sono messi sulle tracce del veicolo che era già stato segnalato per un furto commesso in appartamento in zona proprio il giorno precedente. Da qui l'inseguimento e la fuga, forzando anche un posto di blocco. I fuggitivi poi hanno abbandonato l'auto e parte della refurtiva e sono fuggiti a piedi nei campi circostanti. 

Le ricerche degli uomini dell'Arma però non si sono interrotte e poco dopo, in occasione di un altro posto di blocco in zona, è stata fermata una seconda auto sospetta, una Polo. A bordo del mezzo c'erano i due complici e i due fuggitivi appena recuperati. Prima di essere definitivamente bloccati i malviventi hanno forzato anche questo secondo posto di blocco e lanciato la refurtiva dall'auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono state recuperate alcune borse da donna e soldi ma all'appello mancano alcuni gioielli e orologi preziosi. I quattro sono stati arrestati, due dei membri della banda, una donna di 42 anni di origine sinti e un uomo di 39, risultano residenti a Limbiate in un campo nomadi. Per l'oro è scattato l'obbligo di firma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cinisello Balsamo, bimba di 4 anni investita da auto: soccorsa e portata al San Gerardo

  • Visite e tamponi post covid gratis in Lombardia: a Monza un solo nuovo caso

  • La vita da pascià dell'imprenditore "povero": 10 anni tra auto sportive di lusso, ville e soldi

  • Auto rubate smontate in pausa pranzo e rivendute in un demolitore di Monza: 10 arresti

  • Aggredita insieme al suo volpino da due pitbull lasciati liberi: portata via in codice giallo

  • La cocaina in macelleria a Monza e il giro d'affari da 20mila euro a settimana: 12 arresti

Torna su
MonzaToday è in caricamento