Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Lissone

Lissone, minacce alla ex convivente: pregiudicato in manette

L'uomo, 35 anni, era già noto alle forze dell'ordine per essersi reso protagonista di un episodio simile in passato: è finito in manette per atti persecutori

Si è presentato alla porta della sua ex e ha minacciato di combinare un disastro se lei non avesse aperto.

Sono stati attimi di paura quelli che una donna di 34 anni a Lissone giovedì sera ha dovuto passare quando il suo ex convivente, un pregiudicato già noto alle forze dell'ordine per reati simili, ha iniziato a prendere a calci e pugni la porta della sua abitazione.

Il fatto è avvenuto intorno alle 23 di giovedì e solo l'allarme lanciato dalla donna che è riuscita a chiamare i carabinieri ha evitato il peggio.

L'uomo è stato arrestato in flagranza di reato per atti persecutori e ora si trova agli arresti domiciliari in attesa di processo.

Si tratta di un residente di Vedano al Lambro, 35 anni, nullafacente. 

Nella serata di giovedì questo non è stato l'unico intervento dei carabinieri di Desio per "atti persecutori". A Macherio un altro uomo è finito in manette con la medesima accusa.

Un 29enne ha cercato di alzare le mani contro la sua ex convivente facendo irruzione nella sua abitazione. Anche in questo caso la vittima ha chiamato i carabinieri e l'uomo, già affidato ai servizi sociali per una denuncia presentata dalla donna per il medesimo reato, è stato arrestato. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lissone, minacce alla ex convivente: pregiudicato in manette

MonzaToday è in caricamento