Spacciavano cocaina all'uscita da scuola, mimetizzati tra i genitori e sotto gli occhi dei vigili

Due marocchini avevano scelto come luogo di smercio della droga i cancelli davanti a una scuola elementare di Mortara, situata proprio di fronte al comando di Polizia Locale cittadino: per loro, residenti ad Agrate Brianza, è scattato l'arresto

La droga e il denaro sequestrato ai due

A volte il lavoro porta con sè la necessità di spostarsi da casa e sembra essere valso lo stesso principio di sacrificio anche per due marocchini residenti ad Agrate Brianza.

Peccato che la loro attività più che lavoro si debba definire reato. Si tratta di due nordafricani di 38 e 25 anni, entrambi originari del Marocco e tutti e due pregiudicati residenti nella cittadina brianzola, che da qualche mese, all'incirca dal momento della riapertura delle scuole, avevano trasferito il loro domicilio a Mortara.

Qui i due, davanti ai cancelli di una scuola, proprio di fronte al comando di Polizia Locale cittadino, confondendosi tra i genitori, spacciavano cocaina.

A far scattare per loro le manette giovedì pomeriggio sono stati i carabinieri di Vigevano dopo un'attenta indagine che si è avvalsa di diversi servizi di osservazione.

I due dagli accertamenti effettuati risultano residenti nella cittadina brianzola e impiegati come camerieri in un ristorante di Cinisello Balsamo.

Durante l'irruzione nell'abitazione del 38enne i carabinieri lo hanno sorpreso a cedere dosi di cocaina a un'estetista 25enne mortarese e a un agente di commercio 56enne. Il marocchino inoltre è stato trovato in possesso di 4,5 grammi di sostanza stupefacente, suddivisa in dosi, nascosta in una custodia per cd e di 350,00 euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A confermare la modalità con cui avveniva la vendita della droga sono stati gli stessi clienti dei due pusher, individuati e segnalati: questi, tutti italiani, hanno ammesso come gli appuntamenti per la consegna delle dosi di cocaina venissero fissati, previo accordo telefonico, nell’intervallo di tempo previsto per l’uscita pomeridiana degli alunni dalla vicina scuola e sotto gli occhi dei vigili impegnati nei servizi di viabilità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento