Piromane in azione nel milanese, ubriaco appicca sei incendi

Il piromane è stato rintracciato a Pioltello, subito dopo aver attivato l'ultimo focolaio

Immagine di repertorio

Piromane in azione arrestato dai carabinieri della Compagnia di Cassano D'Adda a Milano. Si tratta di uomo di 35 anni, italiano, incensurato e residente a Pioltello. Nel pomeriggio di giovedì, in evidente stato di ebbrezza alcolica, il 35enne aveva provocato ben sei focolai di incendi presso diversi terreni agricoli tra Vignate e Pioltello, a poche centinaia di metri di distanza tra loro, richiedendo l'intervento di due autobotti dei vigili del fuoco di Vimercate e Milano e dei militari della Compagnia di Cassano d’Adda.

Grazie alle tempestive ricerche messe in atto dai militari del Radiomobile, il piromane è stato rintracciato a Pioltello in via 1 maggio, subito dopo aver attivato l'ultimo focolaio. Nel corso della perquisizione personale sono stati sequestrati i due accendini utilizzati. Sui suoi vestiti c'erano ancora evidenti segni della combustione. I vari roghi hanno interessato anche un campo agricolo posto a ridosso della S.P. 103 “Cassanese”, all'altezza della rotonda di Pioltello, per il quale è stato necessario chiudere per una trentina di minuti il traffico veicolare, nonché altro terreno situato a pochi metri dai binari della tratta ferroviaria percorsa dai treni “Trenord”, all'altezza del medesimo comune.

L'uomo è stato quindi arrestato per incendio doloso e giudicato presso il Tribunale di Milano, venendo sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento