Cronaca Cornate d'Adda

E' condannato ai domiciliari ma non se ne preoccupa: pizzicato diverse volte al bar

L'uomo, un 40enne albanese, di Cornate d'Adda nonostante la misura a cui era sottoposto durante diversi controlli era stato sorpreso in alcuni bar del paese: per lui è stata disposta la reclusione in carcere

Un uomo di 40 anni di nazionalità albanese è finito in carcere per non aver rispettato la condanna agli arresti domiciliari a cui era sottoposto.

L'albanese stava scontando la sua pena nell'appartamento di Cornate d'Adda dove risulta residente su disposizione del Tribunale di Verona. Qui però il 40enne non passava la maggior parte del suo tempo e ogni volta che ne aveva l'occasione usciva, evadendo, per ritrovarsi in alcuni bar del paese con dei connazionali.

E proprio qui più volte lo avevano pizzicato i carabinieri durante diversi controlli a locali pubblici.

Dopo le numerose segnalazioni inviate dai militari della stazione di Trezzo sull'Adda per il 40enne è stato disposto il carcere.

Sempre nel corso del fine settimana gli uomini della compagnia di Vimercate hanno sorpreso in libertà un altro malvivente condannato ai domiciliari.

Questa volta si tratta di un marocchino 44enne già sottoposto a sorveglianza speciale a cui restava da scontare una pena di 5 mesi e 28 giorni per un furto in un box nel 2009.

Anzichè trovarsi a casa l'uomo è stato sorpreso nei pressi del casello autostradale di Trezzo sull'Adda e arrestato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' condannato ai domiciliari ma non se ne preoccupa: pizzicato diverse volte al bar

MonzaToday è in caricamento