Droga nascosta in cantina, arrestato lo spacciatore "del mercato"

Il giovane aveva dato vita a una fitta attività di spaccio, nella zona del mercato di Nova Milanese, dove abitava

La droga? La teneva nascosta in cantina. Tra le bottiglie di vino, il tonno in scatola, le bottiglie di salsa e le valigie delle vacanze. Così, un giovane di 24 anni, di Nova Milanese, sperava di nascondere 150 grammi di cocaina.

Incensurato, all’ufficio di collocamento risultava disoccupato. In realtà, era occupatissimo. I carabinieri di Desio da tempo lo stavano pedinando, perché il giovane aveva dato vita a una fitta attività di spaccio, nella zona del mercato di Nova Milanese, dove abitava.

A insospettire le forze dell’ordine era anche il fatto che un disoccupato aveva il portafoglio gonfio di 1980 euro in contanti. Quando i carabinieri hanno perquisito il suo appartamento, e non hanno trovato nulla, il 24enne ha tirato un sospiro. E si è concesso un sorrisetto. Ma il sollievo è durato poco. Subito dopo i militari hanno voluto dare «un’occhiata» alla cantina. E allora ha mostrato segni di nervosismo. Pochi minuti, e la polvere bianca è saltata fuori, grazie all’ottimo fiuto dei cani antidroga.

E’ stato arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti. Ora si trova nel carcere di Monza. A Muggiò i carabinieri hanno invece denunciato a piede libero per detenzione e spaccio anche un 22enne. In casa nascondeva 2.5 grammi di cocaina e 3000 euro in contanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento