Violentata dall'ex marito davanti alla figlioletta di tre anni: polizia arresta un 40enne

L'uomo è stato denunciato dopo anni di maltrattamenti

Immagine repertorio

La molestava, cercava ripetutamente di costringerla a rapporti sessuali e la minacciava di morte. Un tormento a cui la donna, una quarantenne italiana, ha posto fine denunciando il suo ex marito, che è stato arrestato il 12 luglio dagli agenti del commissariato di Sesto. Si tratta di un quarantenne egiziano regolare in Italia, con permesso di soggiorno fino al 2019.

L'uomo aveva avviato le molestie e le minacce nel 2015, anche di fronte alla figlia della coppia (che ora ha 3 anni). La donna aveva anche presentato querela, ma poi, come purtroppo accade spesso, temendo peggiori conseguenze l'aveva ritirata. E la coppia era andata avanti per qualche tempo, fino all'aprile del 2018.

L'ennesimo episodio di molestie sessuali in presenza della bambina. La donna non ci ha visto più e lo ha denunciato di nuovo, andando anche a vivere a casa dei suoi genitori a Sesto, mentre l'uomo si trasferiva a sua volta dall'abitazione coniugale. Dopo la denuncia e la separazione, però, le minacce sono proseguite. I genitori della donna sono diventati ulteriori bersagli, tanto da sentirsi costretti a barricarsi in casa per due giorni temendo conseguenze se fossero usciti.

Gli agenti nel frattempo hanno avviato le indagini scoprendo che il quarantenne continuava a contattare la sua ex da numeri sconosciuti o anche di conoscenti che i due avevano in comune, tanto che lei ad un certo punto ha smesso di rispondere a quasi tutte le telefonate che riceveva. L'uomo, nel frattempo, aveva stretto una nuova relazione sentimentale ma continuava in ogni caso a minacciare l'ex.

I poliziotti hanno quindi ideato uno stratagemma e hanno contattato la nuova fidanzata chiedendole di accompagnare l'egiziano dalla polizia per una notifica di routine. Ma appena arrivato nei locali del commissariato sono scattate le manette. Il quarantenne risponde di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

E' l'ottavo arresto per maltrattamenti dall'inizio dell'anno per il commissariato di Sesto San Giovanni, che "copre" anche altri Comuni del circondario, da Cinisello a Bresso, da Cologno a Vimodrone. Preziosa la stretta collaborazione con la procura di Monza, competente per territorio. Sempre dall'inizio del 2018 il commissariato ha indagato in tutto 51 persone per maltrattamenti e stalking.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre il 12 luglio, a Milano, è stato arrestato un giovane che, per l'ennesima volta, si era presentato davanti al luogo di lavoro della sua ex. E nella mattinata del 13 luglio, ancora a Milano, è stata la volta di un uomo che aveva picchiato la sua ex prima nel parcheggio di un supermercato e poi anche dentro il negozio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento