rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Travestimenti di Carnevale non sicuri e auricolari contraffatti: maxi sequestro

I controlli della guardia di finanza in diversi capannoni tra Lissone, Bellusco e Giussano. Sequestrati prodotti non conformi alle indicazioni e potenzialmente pericolosi

Trucchi per mascherarsi, costumi di Carnevale e accessori potenzialmente pericolosi perchè non sicuri in quanto privi delle indicazioni di provenienza e della marchiature CE. Maxi sequestro della guardia di finanza di Monza nell'ambito di un servizio di controllo e di contrasto all’importazione ed alla vendita di beni non conformi agli standard di sicurezza imposti dalla normativa nazionale e dell’Unione Europea. Sono stati migliaia gli articoli rimossi dalla vendita e sequestrati. Si tratta di cosmetici, dispositivi auricolari ed accessori di abbigliamento contraffatti. Due imprenditori sono stati anche denunciati per i reati di contraffazione, vendita di prodotti con segni mendaci, commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale e ricettazione.

I controlli

L’attività è stata sviluppata dai finanzieri del gruppo di Monza e della compagnia di Seregno: nel mirino delle fiamme gialle sono finiti alcuni esercizi di Lissone, Giussano e Bellusco, gestiti da cittadini di etnia cinese e pakistana: qui sono stati trovati, stoccati nei magazzini, circa 5.300 accessori di Carnevale privi della marchiatura “CE”.

Nei capannoni sono stati intercettati anche 1.400 accessori di arredo e cosmetici privi delle previste indicazioni merceologiche, circa 1.300 bastoncini di incenso e ferramenta priva delle indicazioni al consumatore obbligatorie, centinaia di torce, adattatori audio/video e giocattoli con marcatura “CE” illecitamente apposta, oltre 1.900 cover per telefoni cellulari non conformi al codice del consumo, un centinaio di cuffie auricolari risultate - dai preliminari accertamenti svolti sul posto - contraffatte, riproducendo la foggia ed i segni distintivi registrati, per analoghi dispositivi, dal noto marchio “Apple” e un centinaio fra cinture e fibbie recanti la falsa indicazione di origine “Made in Italy”.

La merce è stata sequestrata e gli amministratori segnalati alla Camera di Commercio di Milano-Monza-Lodi per l’applicazione di sanzioni amministrative. Due imprenditori inoltre sono statidenunciati alla Procura della Repubblica di Monza per i reati di contraffazione, vendita di prodotti con segni mendaci, commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale e ricettazione.

"L’importante stock di accessori di carnevale tra i più gettonati ad essere utilizzati in occasione del carnevale brianzolo, laddove immesso sul mercato del consumo avrebbe costituito un concreto pericolo per la salute e l’incolumità dei cittadini, soprattutto fanciulli, anche in considerazione della sua natura e per l’utilizzo a stretto contatto con la persona" spiegano dal comando di piazza Diaz.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travestimenti di Carnevale non sicuri e auricolari contraffatti: maxi sequestro

MonzaToday è in caricamento