menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luca Attanasio (Facebook)

Luca Attanasio (Facebook)

Ambasciatore morto in un attentato in Congo: Luca Attanasio era originario di Limbiate

Laureato con lode alla Bocconi, 43 anni, Attanasio era uno degli ambasciatori italiani più giovani. Nell'attentato morto anche il carabiniere della scorta

La Brianza piange il “suo” ambasciatore. È di Limbiate Luca Attanasio, 43 anni, l’ambasciatore italiano in Congo rimasto ucciso lunedì mattina in un attentato nel Paese africano, insieme Vittorio Iacovacci, un carabiniere della sua scorta, e all’autista del convoglio

Erano circa le 10 – le 9 ora italiana – quando Attanasio era a bordo del convoglio diplomatico. Dalle prime informazioni giunte in Italia l’attacco sarebbe avvenuto nel percorso tra Goma e Bukavu. Attanasio era a bordo della sua autovettura in un convoglio della missione dell’Onu impegnata nella Repubblica Democratica del Congo. Molto probabilmente all’origine dell’attacco un tentativo di rapina dove sono rimasti uccisi Attanasio, militare e l'autista.

Luca Attanasio, 43 anni, sposato e papà di tre bambine piccoli era originario di Limbiate. Laureato con lode alla Bocconi, dopo un breve periodo professionale in aziende private aveva intrapreso la carriera diplomatica ed era uno dei più giovani diplomatici italiani.

Dopo le esperienze in Svizzera, in Marocco e in Nigeria, era approdato alla missione in Congo. Era impegnato in importanti progetti umanitari a favore della popolazione locale. Immediato il cordoglio della politica italiana locale e nazionale. "Luca Attanasio era un amico. Un grande professionista che ha sempre reso onore al nostro Paese, una bravissima persona" ha dichiarato l'assessore regionale Fabrizio Sala. "Non ci sono parole, mancherà profondamente. Un pensiero e un abbraccio a sua moglie e alle sue bambine, alla famiglia di Vittorio Iacovacci e di tutte le vittime di questo vile attacco".

"Dolore e tristezza", il cordoglio del Presidente Fontana

"Dolore e tristezza" sono gli stati d'animo espressi dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a nome di tutta la Giunta, dopo aver appreso la notizia della morte dell'ambasciatore Luca Attanasio, nativo di Saronno, in provincia di Varese, e del carabiniere Vittorio Iacovacci. "Il cordoglio della Regione e di tutti i lombardi – ha continuato - giunga ai familiari di due vittime innocenti colpite barbaramente".  "Siamo vicini - ha concluso Fontana - anche alle donne e agli uomini del Corpo diplomatico italiano e dell'Arma dei Carabinieri che, con dedizione e altissima professionalità, sono impegnati in 'complicate' zone del mondo"

Lutto a Limbiate e bandiere a mezz'asta

"L'Amministrazione comunale ha da poco appreso della scomparsa di Luca Attanasio, Ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo e limbiatese di nascita, a seguito di un attacco terroristico al convoglio ONU sul quale viaggiava. Nell'attacco ha perso la vita anche un militare dell'Arma dei Carabinieri. Luca Attanasio, 43 anni, stava portando avanti diverse missioni umanitarie per la stabilizzazione del Paese africano. Soltanto pochi mesi fa, a novembre, aveva ricevuto il Premio Nassirya per la Pace 2020. Il Sindaco, l'Amministrazione comunale e tutta la città di Limbiate esprimono alla famiglia e ai cari di Luca il proprio profondo e sincero cordoglio. Un concittadino esempio per molti e soprattutto un giovane ragazzo che amava Limbiate. Il Sindaco Romeo ha disposto le bandiere a mezz'asta in segno di lutto" hanno comunicato dal comune brianzolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Nuovo Dpcm Draghi fino a Pasqua: cosa cambia a Monza e in Lombardia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Nel parco di Monza fiorisce l'aglio orsino: tutte le curiosità

  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento