L'Audi gialla adesso è una Bmw nera: i tre banditi avvistati tra Milano e la Brianza

I tre uomini che a bordo di un'Audi gialla avevano seminato il terrore nel Nord est ora si muoverebbero a bordo di una Bmw nera, rubata a Milano il 13 gennaio. Sono fuggiti

L’unica cosa certa, se fossero davvero loro, è che sono riusciti a fuggire ancora. Con un’altra auto, di un altro colore, e in un’altra zona d’Italia, ma con lo stesso finale. Scomparsi, spariti nel nulla: dileguatisi come fantasmi proprio quando i carabinieri tessevano la ragnatela per mettere fine alla loro “leggenda”.

Sì, perché ormai è una leggenda - tra segnalazioni, avvistamenti e inseguimenti da film - la storia dei tre banditi in fuga sull’Audi gialla. Un’altra delle poche certezze di una vicenda con tanti punti bui è che ora i tre uomini che hanno seminato il panico nel Nord est tra il 16 e il 23 gennaio devono aver necessariamente cambiato auto. L’Audi Rs4 con targa ticinese e motore da 400 cavalli usata per le spericolate fughe in autostrada - una delle quali è costata la vita a una donna - è stata trovata bruciata il 26 gennaio nel trevigiano: i ricercati, quindi, ora si muovono su un’altra macchina.

L’ipotesi è che adesso i tre si servano di una Bmw nera station wagon serie 5, che risulta rubata a Milano, zona porta Genova, il 13 gennaio scorso. Un dettaglio non da poco, questo, perché - come già lasciato intendere dal furto dell’Audi gialla, avvenuto a Malpensa - mostrerebbe che i banditi hanno familiarità con Milano e l’hinterland. E le ultime loro tracce, in effetti, come racconta "Il Corriere della Sera", portano proprio nei pressi del capoluogo meneghino. Martedì sera, vicino Desio, i carabinieri “attenzionano” una Bmw nera che potrebbe essere proprio quella rubata a metà gennaio. La seguono per un po’, la tallonano, in direzione Milano, poi - dopo un veloce e pericoloso inseguimento - la perdono di vista. Di nuovo.

Il sospetto, accresciuto proprio dalla familiarità che i tre banditi dell’Audi gialla potrebbero avere con le zone tra Milano e la Brianza, è che si trattasse ancora una volta di loro. Ancora una volta in fuga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento