Per i dipendenti 250 euro in più, l'iniziativa dell'azienda per l'emergenza Covid-19

Il Gruppo Lactalis, che tra i 29 siti produttivi italiani conta uno stabilimento anche a Melzo, ha voluto testimoniare la sua riconoscenza ai lavoratori che nel mese di marzo hanno garantito l'attività e la produzione di alimenti

Operaia Lactalis

Duecentocinquanta euro in più in busta paga. Questo l’aumento che i lavoratori del gruppo Lactalis riceveranno sullo stipendio di marzo grazie a un’iniziativa dell’azienda che ha voluto premiare la collaborazione dei dipendenti dei suoi 29 stabilimenti italiani, uno dei quali proprio a Melzo, alle porte di Monza.

Nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria in atto, non sono venuti meno alle loro responsabilità e hanno garantito con la loro presenza il funzionamento di tutti i siti produttivi per permettere agli italiani di trovare sempre al supermercato e sulle loro tavole formaggi, salumi, latte, yogurt e succhi di frutta.

Lactalis Italia – prima azienda per stabilimenti produttivi in Italia attraverso le sue aziende Galbani, Parmalat e Nuova Castelli - ha anche attivato una serie di iniziative solidali rivolte non solo ai dipendenti.

Oltre all’aumento di 250 euro allo stipendio previsto per tutti quei dipendenti che con la loro presenza hanno assicurato il continuo funzionamento di tutti i 29 stabilimenti di produzione del Gruppo, dei siti logistici e dei depositi territoriali, Lactalis ha anche stipulato una polizza di copertura assicurativa integrativa valida per l’intero anno per tutti gli oltre 5 mila dipendenti del gruppo in tutta Italia. E’ prevista un’indennità da ricovero e un’indennità da convalescenza per Covid 19 e servizi di assistenza post ricovero che andranno a sommarsi alle diverse diarie previste dai fondi di assistenza sanitaria o polizze già a sostegno delle famiglie dei dipendenti. 

“Con queste iniziative vogliamo testimoniare concretamente la nostra riconoscenza a tutte le persone di Lactalis Italia che, con il loro sforzo quotidiano offrono, attraverso il loro impegno nella nostra azienda, un reale contributo al tessuto economico e sociale del nostro Paese” – dichiara Jean-Marc Bernier, AD di Lactalis Italia.

Contributi di sostegno sono stati erogati anche a realtà territoriali per supportare il lavoro di medici, infermieri e volontari nella lotta al virus. “Ed è stato anche grazie alla dedizione e all’impegno diretto dei nostri collaboratori che siamo riusciti a manifestare nell’immediato la nostra riconoscenza, con donazioni di nostri prodotti, ai medici e infermieri degli ospedali maggiormente colpiti da questa emergenza - sottolinea Jean-Marc Bernier - estendendo poi il nostro sostegno anche in favore di famiglie più bisognose grazie alle iniziative operate in queste settimane dal Comune di Milano e dalla Croce Rossa. Il nostro impegno in tal senso continua e molte sono le attività in corso con le quali quotidianamente garantiamo l’arrivo dei nostri prodotti a supporto delle iniziative sociali che stanno nascendo lungo tutta la penisola.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento