Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

Dalla Brianza la crociata contro gli autovelox della Milano-Meda

Consumatori, artigiani, imprenditori, automobilisti: tutti contro gli rilevatori della velocità. 270 multe negli ultimi giorni. Monti (Provincia MB): "Ne ho parlato col prefetto"

PADERNO DUGNANO – Associazione consumatori, unione artigiani, associazione industriali, commercianti, Provincia MB, automobilisti: tutti uniti contro gli autovelox sulla Milano Meda. Attivi ventiquattro ore su ventiquattro su entrambe le carreggiate, i due «caronte» elettronici piazzati a Paderno Dugnano non danno scampo agli automobilisti. Solo negli ultimi giorni, sono stati ben 270 gli automobilisti «puniti»: 150 viaggiavano verso Milano, 120 erano diretti a Meda.

Da una parte c’è la Provincia di Milano, fermamente decisa a mantenere in azione le spietate foto cellule. Palazzo Isimbardi, anzi, ha sostenuto che i rilevatori di velocità sono addirittura utili: «Le multe sono in diminuzione – ha spiegato l’assessore provinciale al Traffico, Giovanni De Nicola -. Segno che gli automobilisti sono più prudenti. Questo era il nostro obiettivo».

Dall’altra ci sono gli artigiani, imprenditori, commercianti e pendolari decisi a lottare a colpi di ricorsi contro quella che appare una iniqua gabella. «Come si fa a viaggiare a 80 chilometri all’ora su una arteria ad alto scorrimento? E’ una contraddizione in termini».

E c’è la Provincia MB che non ha esitato ad andare contro la «sorella maggiore» milanese: «Ho sottoposto la questione al prefetto – ha confermato l’assessore provinciale allo Sport e al Turismo Andrea Monti -. E’ necessario che questi impianti non diventino una forma di vessazione contro gli automobilisti, già così tanto spremuti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Brianza la crociata contro gli autovelox della Milano-Meda

MonzaToday è in caricamento