menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Baby gang in manette, rapine con pistola e coltelli ai ragazzini alla fermata del bus e sui treni

Almeno 21 i colpi. I carabinieri hanno identificato otto giovanissimi, due maggiorenni e sei minorenni

Coltelli, una pistola e tanta violenza. Sono almeno ventuno le rapine commesse da una baby gang composta da otto giovanissimi in azione tra le province di Monza e Brianza, Lecco e Venezia.

Agivano in batterie di due o tre persone, puntavano ragazzini soli e li derubavano con le minacce e le armi alla fermata dell'autobus, in stazione o ancora a bodo di treni. Al termine di un'articolata indagine iniziata nel 2017, i Carabinieri della Compagnia di Vimercate hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dai GIP del Tribunale per i Minorenni di Milano e del Tribunale di Monza. Nei guai sono finiti otto giovanissimi, due maggiorenni italiani e sei minorenni tra cui due cittadini marocchini, due romeni, un egiziano e un italiano.

Leggi qui i dettagli

La baby gang è accusata di aver messo a segno almeno ventuno rapine, anche a mano armata, molte delle quali ai danni di minorenni. I militari brianzoli sono riusciti a individuare i componenti della banda a seguito delle indagini avviate nel novembre 2017 dai militari della Stazione di Vimercate nell'ambito di alcuni accertamenti su tre rapine consumate e una tentata nel Vimercatese, per le quali era stato arrestato un cittadino marocchino.

Prima di entrare in azione la gang si dava appuntamento a Vimercate, presso la stazione degli autobus, e in un vicino centro commerciale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento