Rubavano le Ducati per smontarle e poi venderle: smantellata banda di ladri

Le indagini sono scattate nel luglio del 2018 dopo un maxi furto di moto

I ladri in azione (foto da RiminiToday)

L'obiettivo della banda erano le Ducati. Rubavano solo quelle. E secondo gli investigatori dopo essersene impossessati le portavano a Milano dove le smontavano per poi rivenderle a pezzi su un mercato parallelo. Nella mattinata di venerdì 22 novembre i carabinieri di Riccione hanno fatto scattare le manette per i presunti ladri: otto persone sono state arrestate (una in carcere, sette ai domiciliari) mentre per altre sei è scattato l'obbligo di dimora e di presentazione alla polizia giudiziaria. Le misure cautelari, come riportato su RiminiToday, sono state messe a segno tra le province di Rimini, Milano e Como. E tra gli arrestati c'è anche un 32enne di Cinisello Balsamo, comune milanese alle porte della Brianza.

Il maxifurto e le indagini

Le indagini sono scatatte nel luglio del 2018 dopo i maxi-furti commessi tra Rimini, Riccione e Misano Adriatico durante la tappa del mondiale Superbike e il World Ducati Week. Attraverso le indagini gli investigatori sono arrivati al presunto capo della banda: un 32enne di Cinisello Balsamo che è stato arrestato e accompagnato nella casa circondariale di San Vittore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La banda, come ricostruito dai carabinieri, agiva con precisione chirurgica: dopo aver puntato la moto da rubare la affiancavano con un furgone e in pochi secondi la caricavano per poi fuggire in cerca del successivo obiettivo. Le moto sarebbero poi state stoccate e, a seconda delle necessità, smontate per ricavarne pezzi di ricambio o caricate su furgoni per essere portate all'estero. Il capo della banda, secondo le indagini dei carabinieri, insieme ad alti parenti avrebbe impiantato un vero e proprio business sulle due ruote rubate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Rave party" in strada a Monza: nel caos, un uomo viene aggredito brutalmente e rapinato

  • 10 luoghi in cui fare il bagno al lago, poco lontano da Monza

  • Schianto frontale sulla statale: drammatico il bilancio, morti due giovani di 28 anni

  • Niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza in Lombardia

  • Paura a Vimercate, si accascia a terra: trasportata in codice rosso all'ospedale

  • Cammina seminudo in strada, 36enne arrestato a Giussano: era già stato espulso

Torna su
MonzaToday è in caricamento