Barlassina, scoperto un deposito di furgoni rubati

Qui i mezzi venivano smontati e i pezzi ripartivano alla volta del mercato nero dei Paesi dell'Est. Fermate quattro persone di origine ucraina e romena. Denunciato per ricettazione in concorso il proprietario italiano del deposito

Il deposito a Barlassina

I carabinieri della compagnia di Seregno erano sulle loro tracce da tempo e li hanno stanati, nel capannone che avevano trasformato in magazzino di smontaggio per furgoni rubati, domenica sera.

Nella serata di Ognissanti a Barlassina, in un deposito situato in una zona residenziale, una banda è stata sorpresa dai militari con le mani nelle scocche di alcuni furgoni trafugati e destinati a essere "smembrati" e piazzati sul mercato nero dei paesi dell'Est.

Quattro persone, tutte straniere, tre ucraini e un cittadino romeno, tutti tra i 20 e i 45 anni, sono stati fermati dai carabinieri dell'Arma di Seregno all'interno del locale di proprietà di un 55enne italiano, denunciato per ricettazione in concorso.

Quando i carabinieri hanno fatto irruzione nell'enorme deposito insieme ai ricettatori hanno trovato anche due motrici di furgoni una con targa ucraina e una con targa polacca. Le indagini erano in corso da mesi e hanno fatto emergere l'attività della banda specializzata nel furto e nello smontaggio di furgoni Mercedes Vito e Fiat Ducato. I componenti del sodalizio criminale rubavano i mezzi in tutto il nord Italia, con particolare attenzione all'area di Monza, Desenzano del Garda e Calcinate, ma anche all'estero e in Austria.

I mezzi venivano caricati su delle bisarche e nascosti a Barlassina dove nel capannone venivano smontati e i pezzi poi erano spediti nell'Est Europa. Nel deposito la banda aveva installato un disturbatore di frequenze che consentiva di neutralizzare gli antifurti e i segnali Gps provenienti dai mezzi così da non essere rintracciati. 

E a tradire i malviventi è stato proprio uno di questi antifurti, troppo sofisticato per essere oscurato dal dispositivo. Domenica sera il segnale Gps proveniente da un Mercedes Vito rubato il giorno prima ha portato i carabinieri dritti al deposito dove i militari hanno scovato la banda in azione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto ricostruito i ricettatori erano operativi da almeno due mesi e ogni giorno rubavano e smontavano all'incirca quattro furgoni, ogni mezzo aveva un valore di circa 40-50mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento