Cronaca

Barricate con punte di ferro in mezzo alla strada dopo la festa della Lega: "Potevano uccidere"

È successo nella notte tra sabato e domenica sulla Ceriano-Saronno-Rovello. Il fatto è stato denunciato dal sindaco di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo

Immagine repertorio

"Si è trattato di un attentato per uccidere". Non usa mezzi termini il primo cittadino di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo (Lega), per descrivere l'atto vandalico messo a segno nella notte tra sabato e domenica 23 settembre sulla bretella della provinciale Ceriano-Saronno-Rovello. Alcuni automobilisti, infatti, si sono trovati di fronte delle "reti in ferro elettrosaldate", della barricate "opportunamente modificate, con le punte rivolte verso l'alto! Per uccidere". 

Ci sono stati diversi incidenti: "Almeno 20 automobilisti, tra cui diverse persone di ritorno dalla nostra festa della Lega nella vicina Dal Pozzo,  sono rimasti coinvolti e solo per miracolo non ci è scappato il morto", ha precisato il sindaco attraverso un post su Facebook.

Gli ostacoli sono stati rimossi in seguito all'intervento di carabinieri e protezione civile. Per il momento non c'è ancora un responsabile. "Non chiamiamoli ragazzi, anarchici, vandali: chiamiamoli semplicemente col loro nome: criminali", ha concluso il sindaco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barricate con punte di ferro in mezzo alla strada dopo la festa della Lega: "Potevano uccidere"

MonzaToday è in caricamento