Bernareggio, violenta la ex e la minaccia di morte: arrestato

Teribile episodio di violenza sessuale a pochi metri dall'abitazione dove settimana scorsa fu uccisa Antonia Stanghellini

BERNAREGGIO - L'ha aspettata nel box di mattina presto con un grosso coltello da cucina in mano. "Sali in macchina". Destinazione, un campo poco distante, uno di quelli che intervallano i capannoni in questi spicchio di Brianza tra l'industriale e l'agricolo. Fermata la vettura, ha soddisfatto con lei le sue voglie.

DONNA UCCISA A BERNAREGGIO, CONFESSA L'EX CONVIVENTE

Dopo essersi ripulito, e fatta rivestire la donna, ha ordinato di nuovo. "Metti in moto, andiamo a casa mia". La macchina è uscita dai campi, ed è tornata in città, a Colnago, frazione di Cornate D'Adda.

Qui abitava Mohamed C., 51enne disoccupato originario del Marocco. "Scendi" le ha detto, sotto la minaccia della lama. E lei ha dovuto seguirlo, ancora, in lacrima, intuendo cosa la aspettava. Quando la porta si è richiusa, è come se fosse rimasta fuori dal mondo. Sola, in balia di un invasato. 

Di nuovo lui l'ha costretta a soddisfarlo, di nuovo le ha puntato il coltello contro, minacciandola di morte.  "Ti ammazzo, ti ammazzo", mentre  abusava di lei.

Ma a volte nel delirio basta una parola per squarciare la follia, ed è stato il ricordo del figlio di sette anni che la coppia ha avuto, e che sarebbe rimasto orfano, a fermarlo. Solo, senza madre, e con un padre in galera. Perchè n poteva finire diversamente, e questo Mohamed lo sapeva. Sarebbe stato il secondo innocente, in pochi giorni, qui dove tutti si conoscono, o forse credono di conoscersi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimessi i pantaloni, il terzo viaggio. Questa volta fino al centro di Bernareggio, dove l'ha lasciata distrutta. Lei, un'infermiera sudamericana di 40 anni, ha chiamato i carabinieri del capitano D'Aleo. Le ricerche  con quindici uomini sguinzagliati a battere il perimetro del comune: l'arresto. Lui era ancora lì, dopo essersi disfatto dell'arma. Ritrovata anche quella.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento