Alessio ce l'ha fatta: ha sconfitto il cancro

Ad agosto avevamo raccontato la storia di Alessio Lombardozzi, un ragazzo di Biassono che condivideva sui social la sua battaglia contro il cancro. Adesso Alessio canta vittoria: il tumore è scomparso e lui è ritornato anche al lavoro

In questo momento di pandemia e di impennata di ricoveri c’è chi dall’ospedale esce vittorioso. Una bella storia carica di emozioni e di gioia quella che vede come protagonista Alessio Lombardozzi, un 27enne di Biassono che proprio in questi giorni ha vinto la sua battaglia contro il cancro.

Avevamo raccontato la storia di Alessio ad agosto: il giovane aveva scoperto la malattia poco prima dell’inizio del lockdown, e aveva deciso di condividere la sua esperienza sui social, sul gruppo Facebook “Sei di Biassono se…”. Un modo per sentirsi meno solo, per trovare nuovi amici che durante questi mesi gli sono stati accanto e lo hanno sostenuto nei momenti di difficoltà.

Oggi che quella battaglia l’ha finalmente vinta Alessio brinda a distanza e coinvolge nuovamente la rete in questo momento di gioia.
“Quando ho ricevuto la telefonata dell’ematologa che mi diceva che il tumore era scomparso ho pianto – racconta -. Questa volta erano finalmente lacrime di gioia. Sono stati mesi intensi e pesanti, non sono mancati i momenti di tristezza e di sconforto che spesso sfogavo sui social, ma finalmente la Pet ha dato esito negativo. Adesso iniziano i controlli trimestrali”.

Alessio è ritornato alla sua vita: pian piano, rispettando con estrema diligenza tutte le prescrizioni imposte dalla pandemia, ma con l’entusiasmo di chi è ritornato a vivere. “Ho ricominciato a lavorare part time – prosegue -. Quando sono rientrato nel ristorante di Desio (“Il Tramonto”, ndr) dove lavoro come cameriere Mirna, Natale e Antonio mi hanno organizzato una grande festa”.

Sono tante le persone che in questi mesi hanno dato forza e coraggio al giovane biassonese. "Oltre ai miei familiari un grazie speciale ai medici e agli infermieri dell’Ematologia adulti dell’ospedale San Gerardo di Monza – precisa -. Un grazie speciale ad Ilaria Viganò, ad Andrea dell’associazione Luce e Vita, a Matteo Tremolada, a Beatrice Dell’Orto, a Stefano Macrì, ad Erika e a Stella”.

Sono cambiate tante cose negli ultimi mesi, non soltanto per Alessio. “Adesso guardo la vita in modo diverso e voglio aiutare chi sta attraversando quello che ho attraversato io. Intanto mi dedico con passione al lavoro, alla famiglia, agli amici prestando sempre massima attenzione alla salute”. Ormai la mascherina non la lascia più. “Anzi ne indosso due”, precisa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento