La Bicocca al Wired Next Fest

L'Università di Milano-Bicocca partecipa alla prima edizione di Wired NextFest, l'appuntamento in cui il meglio dell'innovazione italiana e internazionale si incontra a Milano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Milano, 28 maggio 2013 – L’Università di Milano-Bicocca partecipa alla prima edizione di Wired NextFest, l’appuntamento in cui il meglio dell’innovazione italiana e internazionale si incontra a Milanopresso i giardini Indro Montanelli di Porta Venezia dal 30 maggio al 1 giugno 2013. Tre giorni di incontri, lectio magistralis, conferenze, reading, dibattiti, workshop, confronti fra grandi aziende e startup, e fra professionisti e studenti e ricercatori.

Ecco il programma degli eventi e dei laboratori animati da ricercatori e docenti dell’Università di Milano-Bicocca.

Conferenze

Scuola e formazione digitale

Venerdì 31 maggio dalle 10 alle 10.30, Auditorium

Marco Gui, ricercatore presso il dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, fa il punto sul rapporto tra la frequenza d’uso dei media digitali e i livelli di apprendimento scolastico a partire dai dati che ha raccolto tra gli studenti delle superiori incrociati per la prima volta con quelli dei test INVALSI.

Gender Gap? La scienza è una cosa da ragazze

Sabato 1 giugno, dalle 10.15 alle 10.45, Planetario

Alice Mado Proverbio, docente di neuroscienze cognitive, racconterà di come la donna scienziato, a parità di merito, deve affrontare una serie di discriminazioni relative alla retribuzione, accesso ai finanziamenti, progressioni di carriera. Le neuroscienze ci dicono in cosa differiscono la mente e il cervello delle donne e degli uomini (senso dell’etica, empatia, ragionamento morale).

Cambiamenti climatici e previsioni meteo

Sabato 1 giugno, dalle 12.00 alle 12.30, Planetario
Viaggio nei profondi ghiacci dell’Antartide alla scoperta del clima di 820.000 anni fa. Valter Maggi, infatti, professore di climatologia, parlerà di “Cambiamenti climatici e previsioni meteo”, discuterà di come le perforazioni dei ghiacciai, soprattutto nel polo Sud, permettono di raccogliere informazioni sulla storia del clima del nostro Pianeta.

Economia e felicità
Sabato 1 giugno, dalle 18.00 alle 18.30, Auditorium
Il denaro fa la felicità? Dipende. Gli economisti, perfino loro, hanno compreso che ricchezza e reddito non sono un fine, ma piuttosto un mezzo per il raggiungimento di un fine: la felicità. Luca Stanca, docente di economia politica, ci racconta come la felicità delle persone varia in modo sistematico tra nazioni, regioni, città. E, cosa più importante, un dato aumento del reddito individuale, o la perdita del proprio lavoro, hanno effetti molto diversi in base alle caratteristiche del contesto in cui si verificano. 

Laboratori
Il Plasma
Gli incredibili effetti del plasma freddo: il plasma, il quarto stato della materia, può conferire nuove proprietà a diversi materiali. Ad esempio, una stoffa o una pelle possono acquisire proprietà idrorepellenti o addirittura respingere le macchie. Nel laboratorio, allestito dal CentroPlasmaPrometeo dell’Università di Milano-Bicocca, Claudia Riccardi mostrerà in diretta come funziona questa nuova e straordinaria tecnologia.

L’energia della frutta

Misurare la temperatura di una stanza con un "termometro a mela", far funzionare la calcolatrice legando degli elettrodi al kiwi… Nella frutta si nasconde un’insospettata energia che fa funzionare diversi dispositivi.

Alessandro Abbotto, vicedirettore del Centro MIB-SOLAR Bicocca per lo studio di materiali, processi e dispositivi per l’energia solare farà entrare i più piccoli nel mondo delle energie rinnovabili con gli esperimenti live del progetto "Esprimo - Energie sostenibili nella scuola primaria”. Oltre ai laboratori per i più piccoli, il centro esporrà prototipi di celle e minipannelli fotovoltaici a base organica di ultima generazione, evidenziandone le peculiarità rispetto a quelli realizzati con al tecnologia tradizionale. Per il Wired NextFest sono state tra l’altro realizzate delle celle solari a forma di logo dell’Università di Milano-Bicocca, del MIB-SOLAR e di Wired.

L’auto robot che si guida da sola

Una macchina che si guida da sola? Ormai non è più fantascienza, anzi. Infatti chi girerà per i giardini di porta Venezia potrà incrociare un’automobile senza autista che però riconosce gli ostacoli e non investe i visitatori. Si tratta infatti di un kart elettrico sviluppato daIralab, il laboratorio di Informatica e Robotica per l'Automazione guidato dal professor Domenico Sorrenti, nell’ambito del progetto "Urban Shuttles Autonomously Driven", che ha come obiettivo la costruzione di veicoli in grado di orientarsi e muoversi autonomamente per la città. I visitatori del Wired Next Fest potranno fare un giro sul kart!

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento