Bimba morta in ambulanza: "Si faccia chiarezza"

Il ministro per la Salute Beatrice Lorenzin ha chiesto ai carabinieri del Nas un rapporto preliminare con l'intento di ricostruire cosa è accaduto giovedì scorso quando una neonata di quattro mesi è morta durante un trasferimento in ambulanza da Carate a Bergamo. Interviene anche la Regione

E' successo in Brianza

Sul caso della piccola Elisabetta Vismara, la neonata di quattro mesi morta giovedì scorso durante il trasferimento dall'ospedale di Carate Brianza a quello di Bergamo, è intervenuto anche il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha chiesto ai carabinieri del Nas un rapporto preliminare e Regione Lombardia. 

Mentre l'ospedale specifica che la piccola "durante la degenza ed il successivo trasporto in ambulanza, è stata assistita continuamente ed assiduamente dal personale medico ed infermieristico della Struttura Complessa di Pediatria e Patologia Neonatale di Carate Brianza e sono stati eseguiti tutti gli accertamenti clinici necessari per poter verificare la natura dei sintomi presentati, sempre in contatto con il medico cardiologo che aveva in cura la piccola" i genitori chiedono spiegazioni perchè quello che doveva essere solo un semplice trasporto da una struttura sanitaria all'altra si è trasformato in tragedia. 

Elisabetta, affetta da sindrome di down, era stata ricoverata a Carate Brianza mercoledì in seguito a difficoltà respiratorie e sintomi influenzali: dopo un giorno di degenza e l'inizio dell'ossigenoterapia il personale sanitario ha predisposto il suo trasferimento all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove i medici avevano visitato la bambina in precedenza. Durante il trasporto sul mezzo di soccorso però è stata interrotta la somministrazione di ossigeno e la bambina a Bergamo è arrivata già in arresto circolatorio, come specifica una nota ufficiale della struttura. 

"In riferimento al caso della piccola Elisabetta, nell'esprimere la propria vicinanza alla famiglia per il tragico evento, Regione Lombardia informa di aver già richiesto e acquisito, da parte dell'Asst di Vimercate, la relazione sanitaria riguardante l'accaduto" spiega una nota di Regione Lombardia che annuncia anche di aver attivato "un gruppo di professionisti multidisciplinare, che avrà il compito, presso il presidio ospedaliero di Carate Brianza, di acquisire ulteriori elementi per fare piena luce sull'accaduto, valutando l'intero percorso assistenziale". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento