Trezzo, ragazzino di undici anni sbanda in bici e cade nel Naviglio: salvato dai passanti

Il ragazzino è finito in ospedale in codice giallo. Ricoverato anche l'amichetto che era con lui

Foto repertorio

Lui ha avuto la prontezza di riflessi di aggrapparsi a un ramo per restare a galla. I passanti, grazie a una sorta di catena umana, sono poi riusciti a tirarlo sulla terra ferma. 

Tragedia sfiorata venerdì pomeriggio a Trezzo sull'Adda, nel Milanese, dove un ragazzino di undici anni è caduto nel Naviglio Martesana nei pressi di via da Vinci. Il giovanissimo - che ha origini sudamericane e vive in zona - era con un amichetto suo coetaneo e insieme stavano percorrendo in bici una stradina che costeggia proprio il canale. 

Per motivi ancora da chiarire, l'11enne avrebbe perso il controllo della bicicletta e sarebbe finito in acqua. Nonostante lo spavento, stando alla ricostruzione dei carabinieri, il ragazzino è riuscito ad aggrapparsi a un ramo che era nel canale per non farsi trascinare via dalla corrente.

Il resto lo hanno fatto alcuni passanti che, dopo aver creato una sorta di catena umana, lo hanno afferrato e lo hanno portato in salvo proprio mentre arrivavano i sommozzatori dei vigili del fuoco del comando provinciale di Milano. 

L'11enne è stato soccorso dagli equipaggi di due ambulanze del 118 ed è stato trasportato in codice giallo all'ospedale di Vimercate, ma fortunatamente le sue condizioni non destano particolare preoccupazione. Nello stesso pronto soccorso è stato ricoverato anche il suo amichetto, visibilmente sotto shock. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento