rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Piazza Trento E Trieste

Bimbo chiede l'elemosina da solo in piazza Trento e Trieste: nei guai i genitori

Si tratta di due cittadini stranieri più volte segnalati perchè sorpresi a chiedere denaro in centro

Bastava guardarlo negli occhi per capire che non aveva più di dodici anni e che anzichè stare seduto con gli occhi bassi in un angolo sulle scale di piazza Trento e Trieste a elemosinare monete sarebbe dovuto essere a scuola insieme ad altri bambini. Sorridente e spensierato.

Per lui però i suoi genitori avevano scelto una sorte diversa e avevano obbligato il piccolo, 9 anni, a seguire le orme di mamma e papà, sorpresi più volte a chiedere denaro con insistenza ai passanti in centro. I due stranieri, entrambi originari di Bucarest, mercoledì sono stati denunciati in seguito all'intervento degli agenti della polizia locale di Monza che si sono mobilitati per togliere "dalla strada" il piccolo.

Ad accorgersi del bambino è stato il comandante della polizia locale Alessandro Casale, sempre impegnato in prima linea a combattere gli abusi e lo sfruttamento sui minori. Dopo a segnalazione il piccolo è stato accompagnato in comando e sono stati rintracciati i suoi genitori che sono stati denunciati per inosservanza dell'obbligo di istruzione. Il bambino infatti non risultava iscritto a nessuna scuola dell'obbligo e non frequentava alcuna lezione. In seguito all'accaduto è scattata anche un'informativa al Tribunale dei Minori e una segnalazione agli assistenti sociali del comune per la presa in carico della situazione.

I due genitori, residenti in un campo rom di Sesto San Giovanni, risulta che fossero stati più volte segnalati per inosservanza dell'ordinanza contro l'accattonaggio molesto emanata dal sindaco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo chiede l'elemosina da solo in piazza Trento e Trieste: nei guai i genitori

MonzaToday è in caricamento