Bimbo si ferisce a Expo: responsabile indagato per lesioni

Il piccolo, otto anni, aveva rischiato di perdere il braccio, che era stato salvato soltanto grazie a un intervento d'urgenza all'ospedale San Gerardo di Monza. Il responsabile del padiglione è indagato

Il bimbo si era ferito nel padiglione della Corea

La Procura di Milano ha aperto un fascicolo sull'incidente che ha visto come protagonista un bambino di otto anni che nei giorni scorsi ha rischiato di perdere un braccio rimanendo incastrato in un'installazione esposta nel padiglione della Corea del Sud a Expo. 

L'ipotesi di reato messa nero su bianco dal procuratore aggiunto Nunzia Gatto, titolare del dipartimento che si occupa degli infortuni sul lavoro, è “lesioni colpose aggravate dal mancato rispetto della normativa sulla sicurezza”. 

Per ora l'unico indagato è uno dei responsabili del padiglione espositivo. 

Il braccio sinistro del piccolo visitatore sarebbe rimasto incastrato nell'installazione che ha diverse braccia rotanti a cui sono attaccate delle lattine. Il bimbo avrebbe toccato le lattine e sarebbe rimasto bloccato. 

Ad evitare il peggio era stata un’operazione d’urgenza all’ospedale San Gerardo di Monza, con i medici che erano riusciti a ricostruire muscoli e tendini e a scongiurare l’amputazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento