Nel solaio trova bombe a mano e un fucile d'assalto della seconda guerra mondiale

Gli ordigni sono stati fatti brillare dagli artificieri domenica mattina. La scoperta a Bovisio Masciago

Gli ordigni rinvenuti

Quando ha deciso di rimboccarsi le maniche e di iniziare a effettuare dei lavori di ristrutturazione nel solaio del condominio aveva messo in preventivo di trovare un po' di polvere e qualche ragnatela ma di certo non si sarebbe mai aspettato di scoprire proprio sopra casa sua un arsenale inesploso risalente alla seconda guerra mondiale.

In un'intercapedine di un sottotetto di una casa di corte in via Roma 30 a Bovisio Masciago invece un residente sabato sera ha rinvenuto tre bombe a mano inesplose, una di fabbricazione inglese e due italiane, e una bomba a mano a bastone, anche questa inesplosa, di fabbricazione tedesca. Insieme agli ordigni che erano in pessimo stato di conservazione, il cittadino ha scoperto anche un fucile d'assalto completo di caricatore e proiettili e quarantasette munizioni.

L'uomo ha immediatamente allertato i carabinieri e nel condomio sono arrivati i militari della stazione di Varedo e della compagnia di Desio che hanno provveduto a mettere in sicurezza gli ordigni, tutti risalenti alla seconda guerra mondiale. Domenica mattina, in seguito all'autorizzazione della Prefettura di Monza e Brianza, gli ordigni sono stati fatti brillare grazie all'intervento degli artificieri della sezione Investigazioni Scientifiche del comando provinciale dei Carabinieri di Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento